Tecnologia

Samsung investe 40 milioni $ in videogiochi esclusivi per Galaxy. Eccoli

Samsung investe 40 milioni $ in videogiochi esclusivi per Galaxy. Eccoli

Stando alle ultime indiscrezioni riportate da The InquirerSamsung starebbe pensando di investire circa 40 milioni di dollari su Niantic, noto sviluppatore di videogiochi mobile che ha dato vita al fenomeno Pokémon Go e Ingress. L’accordo prevede lo sviluppo e pre-caricamento sui dispositivi Samsung Galaxy di fascia alta di videogiochi in esclusiva.

Niantic, casa di sviluppo che ha mostrato il proprio valore con Ingress, gioco basato sulla realtà aumentata, ha visto crescere la propria notorietà con Pokémon Go.



La stessa Niantic starebbe pensando di debuttare in borsa, operazione che richiede una quantità importante di fondi e che potrebbe concretizzarsi con l’accordo in via di definizione con SamsungIl colosso coreano, cosi, potrebbe assicurarsi l’esclusività delle produzioni Niantic e l’azienda videoludica statunitense, compiere il passo della quotazione in borsa entro il 2019.

Il piatto forte dell’affare messo in piedi da Samsung e Niantic riguarda il gioco mobile dedicato all’universo di Harry Potter che dovrebbe sfruttare le peculiarità della S-Pen che, per l’occasione, si trasformerà in una bacchetta magica. Harry Potter: Wizards Unite AR, questo il titolo ufficiale, dovrebbe debuttare sul mercato mobile nel 2019 e, con ogni probabilità dovrebbe essere un’esclusiva di Samsung ma a tempo limitato, considerando che 40 milioni di dollari non basterebbero ad assicurarsi la licenza dei diritti esclusivi per un franchise così importante.

Samsung non è nuova ad accordi commerciali con importanti brand del mondo videoludico. L’esempio più lampante è dato dalla recente partnership con Epic Games per Fortnite per il lancio di Galaxy Note 9 che, nonostante l’esclusività a tempo limitato, non sembra aver inciso in maniera sensibile sulle vendite del dispositivo. Aspettiamo l’ufficialità delle future collaborazioni per potervi raccontare le nostre sensazioni e le reali incidenze del connubio tra smartphone e famosi brand legati al mondo dei videogiochi.

Al momento il colosso dell’elettronica si trova ad affrontare una grave crisi in termini di vendite, trend negativo che comunque riguarda il mondo smartphone in generale. Il mercato sembra aver ormai raggiunto la saturazione, tanto che Apple si è vista costretta a riprendere la produzione di iPhone X a causa delle scarse richieste per iPhone XS.

L’unica scelta per i grandi produttori, che devono nel frattempo contrastare l’ascesa delle aziende cinesi anche al di fuori dei confini dell’Asia, è quella di cercare di differenziarsi il più possibile dalla concorrenza.

articoli correlati

Galaxy S10: primo display con foro per fotocamera? [Aggiornamenti]

NozamaLab.com

Netflix 2020: la piattaforma avrà la pubblicità per aumentare il fatturato?

NozamaLab.com

Apple vs Netflix: sfida mondiale

Filippo Carli

Huawei punta sugli smartphone 5G low-cost

NozamaLab.com

Nuovi AirPods 2019, HomePod e cuffie Apple: i progetti di Cupertino

NozamaLab.com

Blackout Facebook: Telegram ottiene 3 milioni di followers in più

Veronica Mandalà

LG G8 e il suo nuovo Display musicale

Italo Sorighe

PlayStation VR 2 in arrivo in diverse versioni: cosa sappiamo

NozamaLab.com

Capodanno con Spotify: le canzoni più ascoltate

NozamaLab.com

Migliori app del 2018: ecco la classifica stilata da Apple

NozamaLab.com

Motorola One: sarà disponibile in Italia a 299 euro. Quello che devi sapere

Alessandro Sieve

iPhone XS Max esplode in tasca: il cliente minaccia la denuncia ad Apple

Gabriele Muraro