Economia Tecnologia

Le app di fitness che rubano i tuoi soldi: svelato il trucco che c’è dietro

app fitness

Dal momento che iOS è un sistema operativo relativamente chiuso a tutto ciò che sta al di fuori dell’ecosistema Apple e che consente l’installazione di app e giochi solo provenienti dall’App Store, ci si aspetterebbe che la sicurezza sia sempre ai massimi livelli. E invece purtroppo non lo è. Una recente analisi dei ricercatori di ESET ha individuato due app dell’App Store che promettono fitness ma rubano soldi.

Le due applicazioni in questione sono Fitness Balance e Calories Tracker che, nonostante promettano di aiutarci a mantenere uno stile di vita sano con funzioni come il controllo del cibo e il conteggio delle calorie che assumiamo, in realtà sono solo delle app che cercano di rubare del denaro.


Come fanno? Per utilizzare le due app viene richiesta una scansione delle impronte digitali, cosa già molto sospetta in quanto non ha nulla a che vedere con il loro scopo. Solo pochi istanti dopo la scansione delle impronte digitali, le app visualizzano un pop-up che mostra un pagamento ingannevole pari a 99,99, 119,99 o 139,99 euro. Dal momento che i si è autenticati con l’impronta digitale, se si ha una carta di credito o di debito direttamente connessa al proprio account Apple, la transazione viene considerata verificata e il denaro è trasferito automaticamente al cyber criminale dietro questa truffa.

Fitness Balance

La cosa strana è che l’app Fitness Balance ha ricevuto numerose valutazioni a 5 stelle, ottenendo una valutazione media di 4,3 stelle e registrando almeno 18 recensioni per lo più positive.


Il nostro consiglio è, in primo luogo, quello di rimanere alla larga dalle app Fitness Balance e Calories Tracker (anche se Apple le ha già rimosse dall’App Store) e, in secondo luogo, di affidarvi solo ad applicazioni largamente conosciute e che sono state sviluppate da software house importanti quando si tratta di gestire dati sensibili.
Se siete in possesso di un iPhone X o di un modello più recente, è possibile inoltre attivare una funzione aggiuntiva chiamata “Double Click to Pay“, che richiede di fare doppio clic sul pulsante laterale per verificare un pagamento. Si tratta di un sistema impossibile da hackerare lato software in quanto richiede la pressione fisica del tasto.


articoli correlati

Scoperta Spaziale Italiana su Marte: trovati 24 laghi

Veronica Mandalà

Ciao Darwin? Evolution news contesta la nota teoria

Italo Sorighe

Come configurare Amazon Echo: due metodi molto semplici

Fabio Lo Verde

Nel 2035 i contabili non esisteranno più: i robot amministrativi li sostituiranno

NozamaLab.com

Cerco Casa: come fare? I migliori siti dove acquistare e affittare

NozamaLab.com

Apple annuncia iPad Air 2019 e iPad mini 5

Veronica Mandalà

Meglio Visa o Mastercard: cosa cambia? Quale carta scegliere

NozamaLab.com

L’oggetto Tech più acquistato durante il Prime Day 2019

NozamaLab.com

Smartphone caduto in acqua? Ecco come comportarsi

Veronica Mandalà

Amazon si espande in Italia: + 1400 posti di lavoro per i 2 nuovi centri italiani

NozamaLab.com

WhatsApp: truffa dei messaggi con falsi buoni spesa in regalo. ATTENZIONE!

NozamaLab.com

Apple non potrà più vendere iPhone vecchi in Cina. Ecco perchè

NozamaLab.com