Motori

Dune Baggy elettrico: l’auto al salone di Ginevra, ma in versione elettrica

Dune Baggy elettrico è la nuova moda! Tra le grandissime attese del prossimo salone di Ginevra spicca il nuovo Dune baggy in versione elettrica proposto dalla rinomata Volkswagen.


Una vecchia conoscenza che si ripropone con un nuovo stile adatto all’idea di mobilità del futuro.
Fu nel ’64 dal genio di Bruce Meyer che intuì il possibile migliorare ulteriormente il Maggiolino rendendolo adatto a percorrere terreni dissestati che nacque il Meyers manx , il primo vero Dune baggy. Ruote da sterrato, struttura del telaio mobile e apertura sui lati, stile e potenza riuniti in una cosa sola contornati da un palpabile inno all’avventura.

Dune Baggy elettrico

Ai giorni nostri, la Volkswagen è decisa a riproporre il grande classico sotto il nome di E-buggy, rinnovato e aggiornato nelle sua modalità di propulsione ormai basata sull’ elettricità.
Il nuovo modello non tradirà però il suo antenato presentandosi ancora una volta con grandi ruote da fuoristrada senza un telaio fisso e con le fiancate aperte .


La sua costruzione avverrà grazie alla piattaforma modulare che la casa automobilistica definisce come la base adattabile a tutte le auto elettriche: la MEB che da la possibilità di avere un migliore equilibrio tra spese e benefici di produzione. Insomma una vera e propria occasione per la Volkswagen di riproporsi nel mercato delle automobili a propulsione alternativa.


Non riusciremo però a vederlo fino alla sua presentazione che sarà inclusa nell’89a edizione del Salone di Ginevra dal 7 al 17 Marzo 2019. Cosa ne pensi del Dune Baggy elettrico?

Loading...

articoli correlati

Rolls-Royce Cullinan: caratteristiche, foto e prezzo del lussuoso suv

Nozama Lab

10 auto economiche che ti faranno sembrare ricco

Nozama Lab

McLaren 720S Spider: vi presentiamo la cabrio più tecnologica che ci sia

Nozama Lab

Echo Auto: la voce di Alexa arriva sulle automobili

Alessandro Lella

Record vendite Lamborghini: più di 8000 supercars vendute nel 2019. I dati

Nozama Lab

Mercedes-Benz classe A: ecco la prima auto dotata di intelligenza artificiale

Alessandro Sieve