Tecnologia

Nametag Instagram: Cos’è? Come funziona? Tutto quello che devi sapere

Nametag Instagram: Cos'è? Come funziona?

Nametag: Oggi Instagram è considerato il social media più innovativo. Nato per la condivisione di foto e immagini, inizialmente uno strumento di nicchia sfruttato dai professionisti della fotografia, in pochi anni è diventato uno dei social network più utilizzati al mondo.

La possibilità di condividere foto, momenti ed esperienze in tempo reale è sicuramente il suo punto forte. Le “storie” di Instagram sono diventate quotidianità per chiunque sia al passo con i tempi. Tramite questa funzionalità si può mostrare ai propri follower qualsiasi aspetto della propria vita.

Nametag cos’è?

Recentemente è giunta la notizia di una nuova funzione del social media chiamata “Nametag”. Un nuovo modo che facilita il following che si incontrano nella vita di tutti i giorni. Nametag funziona mostrando il nome degli utenti in un formato scansionabile dai futuri follower.

Questa funzione non è una novità assoluta, infatti gli utenti di altri social network come Twitter, Facebook e Snapchat possono generare codici QR affinché gli altri utenti possano scansionarli e ricercare gli account preferiti. L’applicazione di streaming musicale Spotify offre una funzione simile per cercare canzoni e tracce musicali.

NameTag Instagram
Screen fatto su Instagram

Come funziona Nametag?

Utilizzare “Nametag” è molto semplice, basta andare sul proprio profilo Instagram, cliccare in alto a destra sul pulsante menu e selezionare la funzionalità per visualizzare il proprio codice.

Quando invece si vuole scansionare il codice di un altro utente, si può scorrere in alto a destra nella fotocamera, puntare il tag e tenere premuto sullo schermo. La nuova funzionalità è stata distribuita a livello globale ed è utilizzabile sia su smartphone dotati del sistema IOS e sia su quelli dotati di Android.


Instagram oltre a quest’ultima funzionalità ne sta studiando di nuove utilizzabili a livello scolastico. Un sistema in grado di localizzare scuole ed università e naturalmente gli studenti, così da mettere in comunicazione gli studenti di scuole diverse.

Trasformando così il social media in uno strumento di condivisione di idee e progetti, per migliorare il processo istruttivo.

articoli correlati

Huawei Mate 20: caratteristiche e prezzo probabili

NozamaLab.com

Tinder: l’app di incontri ha creato un pulsante per le emergenze. Ecco di cosa si tratta

NozamaLab.com

Smartphone: una batteria che dura 5 giorni. Ecco come è possibile

NozamaLab.com

Google+ chiude prima: esposti i dati di 52 milioni di persone

NozamaLab.com

Cometa di Natale: quest’anno la vedremo. Ecco come

NozamaLab.com

Spotify aumenta i profitti: vediamo i numeri

Fabio Lo Verde

Oppo Reno: il famoso smartphone con la “pinna”

NozamaLab.com

iPhone SE 2 di Apple: Caratteristiche e Colore (VIDEO)

Veronica Mandalà

Apple non ha fretta di lanciare un iPhone PIEGHEVOLE: Ecco perché

NozamaLab.com

IFA 2018: Computer sempre più smart, senza bordi e con due schermi [FOTO]

NozamaLab.com

Tesla Model S da Record: percorsi 1 milione di km

NozamaLab.com

Lenovo presenta un nuovo dispositivo pieghevole: ecco il brevetto

Gabriele Muraro