Tecnologia

Whatsapp: dal 2019 pubblicità nelle storie. Tutto vero

Whatsapp: dal 2019 pubblicità nelle storie. Tutto vero

TestDebiti

Ebbene sì dopo Facebook anche WhatsApp verrà “invaso” dalle pubblicità.

E’ giunta infatti la notizia che a partire dal nuovo anno, WhatsApp, il sistema di messaggistica più utilizzato al mondo diventerà uno strumento di business. Dati alla mano ci fanno ben intendere il motivo di tale scelta, infatti WhatsApp conta più di un miliardo di utenti e più di 450 milioni di storie che sono pubblicate ogni anno da quest’ultimi.

Come per Facebook che ha fatto della pubblicità il suo business permettendo ad aziende e privati di avere uno spazio pubblicitario e di ottenere grande visibilità nei confronti dell’utenza, anche il sistema di messaggistica permetterà a siti web, aziende e lavoratori in proprio, di inserire banner pubblicitari per ampliare il proprio network.

Whatsapp: Allarme “spam”?

Immediatamente la notizia ha allarmato la maggior parte degli utenti per l’eventuale rischio di spam all’interno dei gruppi di WhatsApp. Il country manager di Facebook, Luca Colombo ha assicurato tranquillizzando gli utenti che sarà consentito l’inserimento delle pubblicità unicamente tra le “storie” di WhatsApp, così da non danneggiare troppo la user experience.


Instagram il notò social media, attraverso cui è possibile condividere foto e immagini, ma soprattutto momenti della propria vita con gli altri utenti, fu il primo a lanciare le “storie” e la possibilità a chiunque di fare delle sponsorizzazioni inserite tra una “storia” e l’altra.

Come funziona la sponsorizzazione

La sponsorizzazione è un sistema pubblicitario molto veloce e semplice che può essere sfruttato da aziende per vendere i propri beni o servizi. Tramite il pagamento di somme di denaro che vanno dai 5 ai 500 euro o più è possibile raggiungere migliaia di persone. Il numero di persone raggiunte è proporzionale all’investimento, infatti più si spende e più ci si espande. Inoltre l’utenza è distribuita equamente nel periodo di sponsorizzazione.

A differenza di Instagram secondo degli studi di marketing, impiegando WhatsApp sarà possibile da parte delle aziende ad esempio, soddisfare i consumatori puntando sugli interessi.

Speriamo che la messaggistica  non sarà ostacolata o rallentata dalla presenza delle mille pubblicità, ma per scoprirlo dovremo attendere il 2019. Cosa ne pensate di questa scelta?



articoli correlati

Birra in capsule: LG lancia la Moda

Veronica Mandalà

Xiaomi Mi Mix 3: 10 GB di RAM, fotocamera a scomparsa e molto altro

Marco Giglia

Spotify aumenta i profitti: vediamo i numeri

Fabio Lo Verde

Xiaomi Mi Pad 4: tutto quello che devi sapere

NozamaLab.com

Xiaomi sul piede di guerra: la conquista dell’UE

Filippo Carli

Coronavirus: ecco un’app iOS per seguire la pandemia nel mondo

NozamaLab.com

Come configurare Chromecast: la guida completa

Veronica Mandalà

Commodity Trading: guida per chi vuole iniziare. Investire in materie prime [GRATIS]

NozamaLab.com

I robot possono provare paura, lo dimostra una ricerca

NozamaLab.com

Rete 5G: super velocità ma costi alti. Il primo operatore ad offrire il servizio?

NozamaLab.com

Amazon Dating: una bufala. E’ un’ironica parodia. Ecco il sito 😅

NozamaLab.com