Tecnologia

Apple di nuovo in giudizio: il colosso americano accusa Xiaomi

Apple di nuovo in giudizio: il colosso americano accusa Xiaomi

Non c’è mai un momento di pausa per i colossi della tecnologia, ed Apple in particolare non dorme mai e a quanto pare nemmeno i suoi legali. Sembra che nell’ultimo periodo non riescano a stare tranquilli, d’altronde per citare un noto film: da grandi poteri derivano grandi responsabilità- e quello nelle mani di Apple e veramente un grande potere.

Da poco infatti l’azienda della mela torna protagonista delle cronache giudiziarie per l’accusa rivolta verso il brand cinese Xiaomi. Un vero scontro fra titani, ma chi avrà la meglio ? Il brand per eccellenza o la sua versione concorrente asiatica? Scopriamolo qui di seguito.

Le accuse

Secondo quanto sostenuto da Apple, il brand di telefonia cinese ha ancora una volta emulato i progetti del noto iPhone prodotto dal colosso americano. Anche se il nuovo aggiornamento del sistema operativo non è stato rilasciato dall’ azienda orientale e ancora non è disponibile sullo Xiaomi Mi9 sullo smartphone sono presenti delle particolari caratteristiche che hanno attirato l’attenzione della concorrenza e che a quanto pare sarebbero frutto di un palese plagio.


Lo Xiaomi Mi9

Una delle nuove funzioni che caratterizzeranno l’aggiornamento di sistema MIUI 11 sembra essere l’introduzione di un wallpaper dinamico, il Dynamic Wallpaper che sarebbero in grado di cambiare in maniera realistica in base al momento in cui si vuole sbloccare lo schermo variando in conseguenza alle fasi solari che compongono la giornata.
Secondo quanto evidenziato da The Verge, questa caratteristica sarebbe stata impostata in maniera forse un po’ troppo simile a macOS mojave di Apple.

Guardando le immagini riguardanti questa funzione che si possono facilmente trovare sul web si può notare immediatamente la somiglianza tra le due versioni del software, molto simili ma non identiche comunque.
Che ci sia la possibilità che Xiaomi abbia copiato Apple per quanto riguarda questa funzionalità non possiamo negarlo ne affermarlo , d’altronde un motivo valido dovrat esserci se all’ azienda asiatica viene attribuito il titolo di “Apple cinese”.

Due filoni di pensiero

Alla fine della storia non possiamo affermare che gli asiatici abbiamo plagiato il colosso americano però sappiamo che forse come forma di ispirazione forse come forma di celebrazione l’azienda cinese non avrebbe timore di dimostrare che apprendere dalla concorrenza per migliorare, dunque in un certo senso anche “copiare” non sia una cosa così negativa come lo può essere nella visione occidentale su cui si basa l’azienda americana.
A questo punto ci chiediamo cosa possiate pensarne voi riguardo a questo caso. “Copiereste per celebrare e imparare o per “plagiare” i progetti della vostra concorrenza ? E come la prendereste se il caso interessasse proprio voi?



articoli correlati

Office e Outlook di Microsoft hackerati: cosa succede?

Veronica Mandalà

Il principe di Bel Air (Willy) denuncia Fortnite: Ecco il motivo

NozamaLab.com

“Metta una firma qui”. La truffa che può costarti fino a 9.000 euro

NozamaLab.com

Cos’è Guard Provider: l’app Xiaomi che minaccia la sicurezza

Veronica Mandalà

Pocophone F1: lo smartphone di Xiaomi che fine ha fatto? E il suo futuro?

NozamaLab.com

La Tesla Roadster potrà volare, dal film “ritorno al futuro” alla realtà di oggi

Gabriele Muraro

Xiaomi Mi A3: arriva il primo render ufficiale. Guardalo ora!

NozamaLab.com

Come avere Swipe Up su Instagram: Requisiti e possibili soluzioni

NozamaLab.com

Viber 10: nuova versione dell’app

Fabio Lo Verde

L’app che blocca lo smartphone di tuo figlio: ecco come si chiama

Veronica Mandalà

Vertu: presentato Aster P, smartphone di lusso. Ecco quanto costa il modello

NozamaLab.com

Nintendo Switch Lite e Switch Pro debutteranno nel 2019?

Veronica Mandalà