Tecnologia

Samsung Galaxy S10: ultime novità aggiornate

samsung galaxy s10

I lavori per la realizzazione del prossimo flagship Samsung Galaxy S10 sono volti al termine: da qui alla sua presentazione, che è stata fissata per la fine del prossimo febbraio, ci sarà spazio soltanto ad un impegno di affinamento software da parte del team di sviluppo. Tutto procede secondo i piani in casa del produttore sudcoreano che, come ormai da tradizione, dovrebbe far debuttare il top di gamma 2019 a ridosso del MWC (Mobile World Congress) di Barcellona.

I modelli di S10 in presentazione potrebbero essere in numero di tre (di cui un modello standard, una variante plus ed una lite). Tali indiscrezioni sembrano essere in linea con quanto già annunciato dai rumors che circolano sul web , tutte e tre le varianti dovrebbero essere compatibili con le reti GSM, CDMA e LTE.


Un altro discorso va fatto per il Samsung Galaxy X o F (non sappiamo ancora quale sarà il nome finale del primo smartphone pieghevole dell’azienda asiatica), di cui verrà in parte svelata l’interfaccia utente nel corso della Developer Conference del 7 novembre (tra tre giorni a partire da oggi). Non aspettatevi prototipi da smanettare oppure soffiate di altro genere: i delegati del colosso di Seul mostreranno soltanto l’UI del loro prossimo gioiello, in modo da lasciarne intendere il funzionamento.


Il prossimo sarà sicuramente un anno pieno di novità, non solo per quanto riguarda il produttore sudcoreano, ma un po’ tutto il mondo degli smartphone, destinato ad una nuova epoca dopo anni di saturazione generale.

 

Il Samsung Galaxy X o Fnon vedrà in alcun modo la luce prima del secondo quadrimestre del 2019, dopo alcuni mesi dal lancio del Samsung Galaxy S10 (non si dovrebbe andare oltre il prossimo luglio per la presentazione).


Secondo quanto espresso in ultimo da Ice universe, leaker sempre molto ben informato, il primo smartphone pieghevole del colosso di Seul sarà spinto da un processore a 7nm, adotterà un sistema operativo proprietario realizzato in collaborazione con Google, ed offrirà un design durevole nel tempo (tutte cose che non avrebbero potuto concretizzarsi quest’anno.)

Loading...

articoli correlati

Il primo iPhone 5G arriverà nel 2020. Ecco cosa aspettarsi

Daniele Mencarelli

Pokèmon Go: arriva la realtà aumentata. Ecco cosa aspettarsi

Alessandro Sieve

iPhone Apple: ecco il probabile aspetto dei prossimi modelli in uscita

Nozama Lab

Oppo F9 Pro: caratteristiche ufficiali e colorazioni presentate

Nozama Lab

Cappotto con riscaldamento intelligente: il nuovo progetto Xiaomi

Nozama Lab

1 utente su 5 Android vuole passare ad iPhone: Ecco perchè. La ricerca

Daniele Mencarelli

Leave a Comment