Criptovalute Economia Tecnologia

Criptovaluta Whatsapp + trasferimento denaro con l’app. Ecco le novità

criptovaluta whatsapp

Facebook sta sviluppando una criptovaluta per permettere lo scambio di soldi su WhatsApp. La funzione dovrebbe arrivare prima in India e poi in tutto il mondo.

WhatsApp avrà la propria criptovaluta e verrà utilizzata per permettere agli utenti di scambiarsi soldi direttamente sull’applicazione. Per il momento la notizia non è ancora stata ufficializzata, ma dagli Stati Uniti arrivano alcune indiscrezioni direttamente da parte di persone che stanno lavorando sul progetto.


Non è la prima volta che si parla della possibilità da parte di Facebook di introdurre all’interno di WhatsApp una nuova funzionalità per trasferire denaro.Ma non si era mai ventilata l’ipotesi della creazione di una criptovaluta per permettere questo scambio di soldi.

Per questo progetto, Facebook sta studiando l’ipotesi di creare una stablecoin, una particolare criptovaluta che ancora il proprio valore a quello del dollaro. Rispetto alle altre monete alternative, il valore è molto più stabile e non dovrebbe subire scossoni importanti come accaduto negli ultimi 12 mesi ai Bitcoin. La possibilità di inviare denaro tramite WhatsApp dovrebbe essere testata prima in India e poi rilasciata in tutto il Mondo.


Come funzionerà la criptovaluta di WhatsApp

La creazione di una criptovaluta WhatsApp è ancora nelle fasi embrionali e non si ha nemmeno a certezza che il progetto venga portato al termine. L’unica cosa certa sono gli investimenti che Facebook sta facendo nella tecnologia blockchain e nello sviluppo di servizi finanziari. A capo di questa nuova divisione è stato assunto l’ex presidente di PayPal David Marcus che con un gruppo di oltre 40 persone sta lavorando a dei progetti basati sulla blockchain per WhatsApp e Facebook. Ma si tratta di progetti top secret su cui l’azienda di Menlo Park non fa trapelare nulla.

Come trasferire denaro con WhatsApp

La funzionalità su cui sta lavorando Facebook per inviare soldi tramite WhatsApp inizialmente sarà disponibile solamente per il mercato indiano. Il motivo è molto semplice: secondo i dati della Banca Mondiale, nel 2017 l’India ha ricevuto rimesse di denaro per 69 miliardi di dollari, più di qualsiasi altro paese al mondo. Facebook vuole sfruttare questa massa enorme di denaro che ogni anno si muove verso l’India, per offrire un servizio che gli utenti indiani utilizzerebbero molto volentieri. E logicamente Facebook guadagnerebbe facendo pagare le commissioni per le transazioni.


L’India è uno dei mercati più interessanti per le aziende della Silicon Valley: la popolazione supera il miliardo di persone e la maggior parte sono under 35. Persone interessate al mondo della tecnologia e a utilizzare smartphone e applicazioni come WhatsApp per parlare con amici e parenti emigrati in Europa o negli Stati Uniti. Per Facebook e WhatsAppla crescita in India è l’obiettivo principale del prossimo quinquennio, unico modo per continuare ad aumentare i ricavi e fare investimenti per migliorare i servizi offerti.

articoli correlati

Apple 2019: cosa dobbiamo aspettarci quest’anno

NozamaLab.com

Cos’è Triton: il malware che minaccia i sistemi di sicurezza

Veronica Mandalà

Hyperloop: il treno supersonico è realtà. Il co-fondatore è un italiano

NozamaLab.com

OnePlus 6T: arriverà nei negozi MediaWorld

Alessandro Sieve

Nametag Instagram: Cos’è? Come funziona? Tutto quello che devi sapere

Alessandro Sieve

Huawei Mate 20 Pro: la scheda tecnica

Veronica Mandalà

Galaxy S10: primo display con foro per fotocamera? [Aggiornamenti]

NozamaLab.com

Samsung vuole lanciare lo smartphone più innovativo di tutti i tempi. Galaxy X pronto nel 2019

NozamaLab.com

Come fare una LIVE su YOUTUBE: tutti i passaggi in modo semplice

Italo Sorighe

A San Valentino arriva la cometa Iwamoto

Fabio Lo Verde

Rete 5G Italia: Circa il 70% degli utenti è disposto a pagare di più per averla. Tu quanti pagheresti?

NozamaLab.com

Una gioielleria produce un nuovo DualShock 4 in oro da 12.000 euro. Eccolo

NozamaLab.com