Tecnologia

WhatsApp: come scoprire se un amico ti ha bloccato

whatsapp

WhatsApp è parte integrante della nostra quotidianità: messaggi, chiamate, videochiamate e invio di file a portata di un click. L’applicazione di messaggistica istantanea più conosciuta mette a disposizione dei suoi utenti lo strumento del blocco, consentendo di oscurare e troncare nettamente ogni genere di conversazione con il proprio interlocutore.

Ma un interrogativo sorge spontaneo: come riusciamo a capire se una persona ci ha bloccato su WhatsApp? La mancata visualizzazione della foto profilo, così come l’assenza di dati (info e stato) e stories, può essere dovuta alla modifica della privacy da parte dell’interlocutore. L’unico modo per verificare è la creazione di un gruppo WhatsApp: in tal senso occorre verificare se il contatto è disponibile al momento dell’aggiunta nel gruppo.



Alcuni piccoli accorgimenti

Alcuni piccoli suggerimenti per proteggere la nostra privacy:

Riconoscimento facciale e Pin/Password

Su iPhone la funzione di sblocco delle conversazioni avviene tramite riconoscimento facciale. Viceversa se possediamo un Android, basta installare un’app locker per utilizzare pin o  password per bloccare una singola chat di WhatsApp oppure tutta l’applicazione.

Proteggere il proprio numero di telefono da possibili attacchi hacker

Proteggere il proprio numero di telefono è fondamentale, specie se soggetto ad attacchi hacker che potrebbero creare problemi e danneggiare i sistemi con malware e altri virus pericolosi. Per questo motivo occorrerebbe limitare l’uso di WhatsApp attraverso le reti attraverso le reti Wi-Fi pubbliche non protette da password. Spesso, infatti, gli hacker prendono di mira queste connessioni per spiare gli utenti e, quindi, agire di conseguenza.


Proteggere il proprio dispositivo

Proteggere il proprio dispositivo è importante dal momento che qualsiasi malitenzionato potrebbe spiarci avendo il telefono tra le mani. Pertanto bisogna evitare di lasciarlo in ufficio o in luoghi pubblici. Bisogna dotarsi di un blocco schermo con un sensore biometrico


Spesso per installare un’applicazione per spiarci gli hacker o i partner gelosi devono avere materialmente tra le mani il nostro telefono. Evitiamo quindi di lasciarlo in ufficio o in luoghi pubblici se ci allontaniamo e possibilmente proteggiamo lo sblocco dello schermo con un sensore biometrico o una password efficiente.



articoli correlati

NON comprare un nuovo smartphone: aspetta 2 mesi. Ecco perché

NozamaLab.com

iPhone 13 sconto: i migliori modi per pagarlo di meno. Amazon, Swappie, permuta

NozamaLab.com

BEERWULF: i migliori spillatori di birra per la casa, offerte da non perdere

NozamaLab.com

Italia arrestrata? Non è vero! Abbiamo la tecnologia ma la vendiamo agli altri

NozamaLab.com

Xiaomi Redmi Go: scheda tecnica e prezzo

Veronica Mandalà

Oppo R17 Pro: tripla fotocamera, foto 3D e micro notch [video]

NozamaLab.com

Facebook, Instagram e WhatsApp down: cosa è successo

Veronica Mandalà

Kindle Paperwhite rivoluzionato: più leggero e resistente. [PREZZO]

Marco Giglia

I robot possono provare paura, lo dimostra una ricerca

NozamaLab.com

Basta furti di dati: Facebook cerca una società di cybersicurezza

Marco Giglia

Apple non potrà più vendere iPhone vecchi in Cina. Ecco perchè

NozamaLab.com

Cos’è Guard Provider: l’app Xiaomi che minaccia la sicurezza

Veronica Mandalà