Tecnologia

Whatsapp, Novità: Linked Account, modalità silenziosa e vacanza. Cosa sono?

Whatsapp, Novità: Linked Account, modalità silenziosa e vacanza. Cosa sono?

WhatsApp è certamente l’applicazione di messaggistica più diffusa al mondo ma almeno per il momento, non brilla certo per completezza di funzionalità, quanto meno paragonata con Telegram e le principali rivali asiatiche (WeChat, Viber, KakaoTalk, etc).

Le sue sperimentazioni poi come dimostrato dal caso degli adesivi, sovente rasentano tempi biblici: ecco, quindi, che sarà ben difficile ipotizzare quando saranno effettivamente operative gran parte delle feature recentemente svelate.

Il famoso gruppo di leaker di WABetaInfo, nelle scorse ore, ha scoperto un bel po’ di novità in arrivo su WhatsApp. Tra queste, quella che sembra già in corso di distribuzione è la “Modalità silenziosa” (o “Silent mode”).

Già da prima, era possibile silenziare le chat fastidiose o non importanti ma, con la miglioria in questione, ogni qualvolta arriverà un nuovo messaggio afferente una conversazione silenziata, quest’ultimo non verrà segnalato tramite il dot di notifica annesso alle icone e quindi non capiterà più di aprire WhatsApp per scoprire solo in seguito che non eravamo interessati a leggere le novità di una tal discussione.


Presente lato codice, ma non ancora abilitata, invece, è un’ulteriore funzione, la “Vacation mode”, che potremmo tradurre come Modalità vacanza o “Modalità riposo”, e che va a intervenire sulle chat  individuali o di gruppo.

In pratica, in precedenza al sopraggiungere di un nuovo messaggio capitava che una chat archiviata tornasse visibile e in auge mentre, quando sarà attivabile il flag previsto per l’app Android, iOS, e Windows Mobile, ciò non accadrà e sarà l’utente a scegliere manualmente se rendere di nuovo attenzionabile una certa conversazione archiviata.


Infine, ancora in sviluppo risulta l’ultima implementazione, chiamata “Linked accounts”, o “Account collegati”: come intuibile dal nome, questa funzione andrà a collegare WhatsApp con gli account di altre app, tipo Facebook o Instagram e in tal modo agevolerà nel recupero delle credenziali di accesso e semplificherà la condivisione simultanea degli stati.

articoli correlati

WhatsApp: ecco come scoprire se il partner vi tradisce

Alessandro Sieve

Blackout Facebook: Telegram ottiene 3 milioni di followers in più

Veronica Mandalà

Aggiornamento iOS 12.1: Ecco gli iPhone esclusi

NozamaLab.com

Connessione a banda larga in Italia: cosa devi sapere

Fabio Lo Verde

I 10 miliardari TECH che si sono arricchiti più velocemente

NozamaLab.com

YouTube blocca pubblicità no vax: ecco il motivo

Veronica Mandalà

Creare una raccolta fondi su Facebook: la guida completa

Veronica Mandalà

Fortnite Halloween: arriva l’evento spaventoso. Ecco cosa aspettarsi

NozamaLab.com

Trent’anni di World Wide Web. Accessibilità totale (?)

Filippo Carli

Amazon Alexa 2019: traguardi, risultati e progetti futuri

Veronica Mandalà

Social e salute: troppo Facebook può far male?

Italo Sorighe