Tecnologia

Proteggere la chat con l’impronta digitale: la nuova idea di WhatsApp

whatsapp impronta digitale

Proteggere la chat di WhatsApp attraverso la propria impronta digitale è possibile e gli specialisti della piattaforma di messaggistica istantanea ci stanno lavorando sopra. La futura e probabile nuova funzione è stata scoperta dai ragazzi di WaBetaInfo, capaci di analizzare il codice sorgente di WhatsApp per trovare news. Attualmente, la feature è stata rilasciata nella versione alpha di WhatsApp per Android.


Secondo alcuni pareri concordanti, utilizzare questo nuovo aggiornamento sarà molto semplice: infatti basterà accedere nella sezione ‘Impostazioni‘ dell’app e registrare la propria impronta. Naturalmente, bisognerà utilizzare l’impronta del proprio dito per accedere all’interno di WhatsApp.

Il problema degli aggiornamenti di WhatsApp

WhatsApp è in continua evoluzione tecnologica e i repentini aggiornamenti lo dimostrano. Sono apporti importanti che hanno l’obiettivo di migliorarne la performance e soddisfare le richieste di utenti sempre più esigenti. C’è un ma però, ed è legato ai downloads disponibili nello Store dello smartphone che lo appesantiscono e talvolta sono i fautori dei bugs, tanto odiati da tutti.


Proprio in questi giorni si era vociferato di un aggiornamento che avrebbe dovuto apportare significative modifiche al sistema, ma in realtà non è mai arrivato. Di fatto, si è trattato solo di un bug fix relativo ad alcuni problemi insignificanti che hanno deluso gli utenti, ansiosi di verificare il nuovo update.
Per rimanere in tema di bug, nelle ultime ore molti utenti di WhatsApp ne avevano segnalato uno in particolare, presente nel client Android della messaggistica, il quale aveva fatto sparire vecchi messaggi risalenti rispettivamente al 2015 e al 2018. Bug poi confermato ufficialmente da Menlo Park, che ha tranquillizzato l’utenza rivelando di essere al lavoro sui correttivi del caso per gli utilizzatori coinvolti.



Nel frattempo, WhatsApp ha aggiornato la sua versione beta per Android, portandola alla release 2.19.9. Elemento inedito è il pulsante che avvia le chiamate audio/video di gruppo.

Inoltre WhatApp sta analizzando la compatibilità verso gli stickers delle tastiere esterne, le quali già supportano gli adesivi. Fra qualche tempo, infatti, saremo dotati di una tastiera esterna che potrà usare i propri adesivi su WhatsApp e riguarderà proprio la Gboard di Google, i cui programmatori sarebbero già al lavoro per cogliere i frutti di tale, compatibilità.


articoli correlati

Google Fuchsia sarà compatibile con le app Android: Ecco come

NozamaLab.com

Google Maps predispone la navigazione in realtà aumentata

Veronica Mandalà

“Cerotto smart”: l’auricolare del futuro! Voci e suoni si sentiranno sulla pelle

NozamaLab.com

Robotic Tech Vest di Amazon: il giubbotto che protegge i dipendenti

Veronica Mandalà

Huawei lancia AI Cube: primo smart speaker dell’azienda. Ecco com’è

NozamaLab.com

Fortnite novità: ecco la prova “Spara i fuochi d’artificio” 2.0

Veronica Mandalà

Microsoft Surface Earbuds: la risposta alle AirPods di Apple

NozamaLab.com

Alcatel: nuova linea di smartphone al MWC

Filippo Carli

Huawei P30 scheda tecnica: Caratteristiche e Prezzo

Veronica Mandalà

iPhone ricondizionati venduti in Italia: prezzo dei dispositivi Apple

Gabriele Muraro

Top 10 videogiochi per PS4

NozamaLab.com

Nike: scarpe auto-allaccianti, una meraviglia tecnologia

Alessandro Lella