Tecnologia

Sviluppatrice batte Pi Greco grazie a Google Cloud: la storia

Sviluppatrice batte Pi Greco grazie a Google Cloud

Il Pi greco è senza dubbio una delle costanti matematiche più famose ma tanto antipatiche, talvolta difficile da calcolare. Basti pensare che nel 1985 il matematico e programmatore Bill Gosper raggiunse il traguardo di 17,5 milioni di cifre e nel 2016 il matematico svizzero Peter Trube fece registrare il record di 22,4 trilioni di numeri.

Dal momento che il Pi greco si avvicina a una cifra di 3,14 (se la matematica non è un’opinione), un nuovo record lo ha letteralmente abbattuto grazie a Google Cloud. Proprio così, la sviluppatrice Emma Haruka Iwao ha battuto il primato precedente, riuscendo a calcolare più di 31 trilioni di numeri (per l’esattezza: 31,415,926,535,897).

Ciò è stato possibile grazie al computer engine del cloud, ossia una componente dell’infrastruttura su cui si basa il servizio di Google. È stato proprio Big G ad annunciare il primato, in occasione del Pi greco day il 14 marzo.

Il 14 marzo è il Pi Day: una celebrazione annuale per il mondo della matematica che festeggia il Pi Greco, e coincide col compleanno di Albert Einstein e la morte di Stephen Hawking.

Il record

Grazie alla supervisione di Daisuke Takahashi, professore associare dell’università presso il centro per le scienze computazionali dell’Università di Tsukuba, in Giappone, Emma Haruka Iwao&Co hanno realizzato un’app capace di calcolare almeno 170 terabyte su 25 macchine virtuali. Il calcolo ha richiesto 121 giorni di lavorazione e 25 macchine virtuali di Google Cloud.


Il set di dati (170 terabyte) è l’equivalente per dimensioni a tutte le collezioni di stampa della Library of Congress, dimostrando quindi le straordinarie potenzialità e capacità del cloud computing.

Cos’è il cloud storage

Il cloud deriva dal termine che vuol dire ‘nuvola’ e riguarda semplicemente uno spazio di archiviazione personale, conosciuto anche come “cloud storage”, che risulta accessibile in ogni momento e in qualsiasi luogo utilizzando una connessione ad Internet.

Il cloud storage sincronizza tutti i tipi di file preferiti in un unico posto, col conseguente vantaggio di riscaricarli, modificarli, aggiornarli o eliminarli.


articoli correlati

Vi presentiamo il nuovo Mac Pro 2019 ufficiale: a partire da 6000 $

NozamaLab.com

Come Fare Backup iPhone: operazione di salvataggio dei dati

Gabriele Muraro

Miglior Notebook in vendita: Come scegliere il tuo prossimo portatile

NozamaLab.com

Superbowl 2020: dove vederlo GRATIS? Ecco i canali che lo trasmetteranno tra poco

NozamaLab.com

Non solo smartphone: Anche bende e cerotti saranno oggetti intelligenti

Marco Giglia

FIFA 19: svelate tutte le novità, dai calciatori più forti alle modalità di gioco

NozamaLab.com

Nubia presenta lo smartphone indossabile. Ecco di cosa si tratta

NozamaLab.com

Se lavorate per Huawei non utilizzate mai un iPhone! Ecco cosa potrebbe succedervi

NozamaLab.com

Il primo servizio taxi-robot a pagamento: vi presentiamo Waymo One

Veronica Mandalà

La Tesla Roadster potrà volare, dal film “ritorno al futuro” alla realtà di oggi

Gabriele Muraro

Cheerz.com: stampa le foto a te più care e ricevile a casa grazie a un’app

NozamaLab.com

Bezos ha venduto azioni Amazon per 3,4 miliardi $. Ecco il motivo

NozamaLab.com