Tecnologia

Facebook, Instagram e WhatsApp down: cosa è successo

Facebook, Instagram e WhatsApp down: cosa è successo

Facebook, Messenger, Instagram e WhatsApp in down dalle 16 di oggi mercoledì 13 marzo. A segnalarlo centinaia di utenti in varie parti del mondo, che non sono riusciti ad accedere al servizio sia da desktop che da mobile. Le segnalazioni sono arrivate da Stati Uniti, Brasile, Messico, Gran Bretagna, Danimarca, Spagna e Turchia. Altre segnalazioni hanno riguardato anche le chat di Messenger e WhatsApp.

Alcuni utenti hanno evidenziato l’impossibilità di interagire e pubblicare contenuti, altri non riuscivano ad effettuare il login. Non sono mancate naturalmente le lamentele pubblicate su Twitter, dovute all’ennesimo tracollo delle piattaforme social più usate.

A seguito delle diverse lamentele, Facebook ha escluso che il malfunzionamento in corso sulla stessa piattaforma e Instagram sia dovuto a un attacco informatico ai suoi danni. In un tweet, la società di Zuckerberg ha spiegato di essere “concentrata a lavorare alla risoluzione del problema”, e aggiunge di poter “confermare che il problema non è collegato a un attacco DDoS”, ossia un attacco denial-of-service distribuito in cui numerose fonti prendono di mira un sito, inondandolo di richieste in modo da esaurirne le risorse informatiche e renderlo indisponibile agli utenti.



La richiesta del Codacons

Il Codacons ha annunciato una formale richiesta all’azienda di Menlo Park: il risarcimento per utenti e imprese che hanno subito un danno materiale a causa dei disservizi registrati oggi sulle piattaforme Facebook e Instagram.

La decisione è stata presa in quanto “in Italia un numero sempre crescente di cittadini e attività utilizza i social network a scopo lavorativo, ed è evidente che un blackout nei servizi offerti da Fb e Instagram ha potuto arrecare un danno, specie sul fronte professionale, per una moltitudine di soggetti”. A tal proposito, continua il Codacons, “abbiamo deciso di scrivere a Facebook chiedendo di prevedere forme di indennizzo per tutti quegli utenti che, a causa dei disservizi odierni, abbiano subito danni materiali. Utenti che possono rivolgersi all’associazione per segnalare il proprio caso e valutare attraverso il Codacons eventuali iniziative da intraprendere”.

articoli correlati

Huawei punta sugli smartphone 5G low-cost

NozamaLab.com

Tinder: l’app di incontri ha creato un pulsante per le emergenze. Ecco di cosa si tratta

NozamaLab.com

Microsoft raggiunge i $ 10 miliardi di fatturato con i videogiochi. Cosa ci riserverà Xbox in futuro?

NozamaLab.com

Nel 2035 i contabili non esisteranno più: i robot amministrativi li sostituiranno

NozamaLab.com

Nuova Scoperta Italiana: individuata la superTerra Gl 686b

Veronica Mandalà

Come avere Swipe Up su Instagram: Requisiti e possibili soluzioni

NozamaLab.com

Fortnite: dipendenti sfruttati! 100 ore di lavoro settimanali

Veronica Mandalà

Tesla Model S da Record: percorsi 1 milione di km

NozamaLab.com

Cerco Casa: come fare? I migliori siti dove acquistare e affittare

NozamaLab.com

Motorola pronta a lanciare G7 sul mercato: Ecco i dettagli

Alessandro Lella

Se lavorate per Huawei non utilizzate mai un iPhone! Ecco cosa potrebbe succedervi

NozamaLab.com

Come cambiare gestore telefonico: come passare ad Iliad

NozamaLab.com