Tecnologia

SpaceX: pronti nuovi 7518 satelliti da lanciare nello Spazio. Ecco perchè

SpaceX: pronti nuovi 7518 satelliti da lanciare nello Spazio. Ecco perchè

Internet anche nelle aree più remote del mondo. Il miliardario e imprenditore Elon Musk si getta a capofitto nell’impresa con Space X.

La società ha infatti ottenuto l’autorizzazione a mettere in orbita 7518 satelliti dalla Federal Communications Commission americana (Fcc), che nello stesso tempo ha chiesto però di ridurre i crescenti rischi legati ai detriti spaziali,  evocando il film “Gravity” del 2013, con George Clooney e Sandra Bullock.

Space X ha già due satelliti di prova in orbita e in precedenza si era aggiudicata l’autorizzazione per altri 4425 satelliti, anche questi progettati per fornire comunicazioni a banda larga ma utilizzando orbite alte, oltre i mille chilometri dal nostro pianeta. Gli ultimi invece saranno micro satelliti di nuova generazione (alcuni lunghi solo 10 centimetri e pesanti meno di un chilo e mezzo) che, volando veloci su orbite molto più basse e collegati tra loro, consentiranno di coprire in modo capillare ogni angolo del mondo, senza limiti legati alle condizioni meteo. E con minori costi.


Secondo stime ufficiose, non confermate dall’azienda, SpaceX punterebbe a raggiungere entro il 2025 un fatturato da canoni di connessione a banda larga di 30 miliardi di dollari. Con la sua flotta di quasi 12 mila satelliti, Musk potrebbe diventare lo zar dell’etere, dato che attualmente intorno alla Terra orbitano meno di 2000 satelliti attivi.

Una nuova sfida, che si aggiunge a quella delle auto elettriche senza pilota, alle autostrade sotterranee veloci, alle batterie di nuova generazione, alle navicelle spaziali di Space X e ai piani per sbarcare su Marte. Quanto al pericolo dei detriti spaziali, Musk ha presentato un piano per far rientrare nell’atmosfera tutti i satelliti un anno dopo la fine della loro vita operativa.

 

“Sono entusiasta di vedere ciò che questi servizi potrebbero promettere e ciò che queste costellazioni di satelliti hanno da offrire

Cosi ha detto il presidente della Fcc Ajit Pai durante l’incontro in cui sono state approvate le reti satellitari.

Il nostro approccio a queste applicazioni riflette quello che questa commissione ritiene fondamentale per incoraggiare il settore privato a investire e innovare e, inoltre, consentire alle forze di mercato di fornire valore ai consumatori americani”.



E voi cosa ne pensate? CI riuscirà Elon Musk grazie a Space X in questa incredibile impresa?

articoli correlati

Capodanno con Spotify: le canzoni più ascoltate

NozamaLab.com

Coronavirus: come avere aggiornamenti in tempo reale su Whatsapp

NozamaLab.com

La rete 5G: Tutto quello che devi sapere sulla nuova tecnologia che userai

Veronica Mandalà

Come cambiare gestore telefonico: come passare ad Iliad

NozamaLab.com

Hyperloop: il treno supersonico è realtà. Il co-fondatore è un italiano

NozamaLab.com

Honor View 10 Lite sbarca ufficialmente in Italia. Ecco il prezzo

Alessandro Sieve

Sviluppatrice batte Pi Greco grazie a Google Cloud: la storia

Veronica Mandalà

Huawei P30 scheda tecnica: Caratteristiche e Prezzo

Veronica Mandalà

Samsung Galaxy S10/S10+: cosa sappiamo del sensore di impronte digitali?

Veronica Mandalà

Samsung Galaxy S10 vs Galaxy S10 Plus: Caratteristiche e Prezzi

Veronica Mandalà

Apple: possibili Airpods 2 e nuovi iPad per il 29 marzo

Gabriele Muraro

LG G8 ThinQ: presentato il primo dispositivo della serie G con display OLED

Gabriele Muraro