Tecnologia

Progetto italiano “Robotics” in gara per finanziamento UE da un miliardo

Progetto italiano "Robotics" in gara per finanziamento UE da un miliardo

TestDebiti

Il progetto italiano Robotics ha un obiettivo ben preciso: rendere i robot sempre più alla portata di tutti, utilizzando materiali riciclabili e ed energie rinnovabili. L’idea vale un miliardo?

Ormai i robot sono diventati i protagonisti assoluti in numerosi ambienti (ad esempio negli ospedali), eppure non siamo ancora riusciti ad introdurli nei luoghi più comuni, come case e uffici. Per aggirare questo ostacolo l’Unione Europea ha bandito una gara per finanziare la realizzazione di robot capaci di integrarsi con l’ambiente domestico-lavorativo, utilizzando materiali che rispettano la natura. A partecipare saranno più di 800 esperti appartenenti alla comunità scientifica europea, con il contributo di Giappone, USA e altri Paesi. In gara troviamo anche l’Italia, che partecipa con l’innovativo progetto FET- Flagship “Robotics”.

I risultati tecnologici sono sempre più rapidi e promettenti, i tentativi di trasferimento dai laboratori al mercato sono frequenti. Ma il tutto avviene senza un piano di sviluppo a lungo termine e strutturato.

L’obiettivo sembra chiaro: permettere ai robot l’ingresso nella nostra vita quotidiana, senza però che questo stravolga la società così come la conosciamo.


A guidare il progetto troviamo due importanti scienziate italiane: la realizzatrice dei robot pianta Barbara Mazzolai dell’Istituto Italiano di Tecnologia (lit) e l’esperta di robot soffici Cecilia Laschi, della Scuola Superiore Sant’Anna. Tra i partecipanti troviamo Dario Floreano del Politecnico di Losanna, Sabine Hauert dell’Università britannica di Bristol, Jean-Paul Laumond del Consiglio Nazionale Francese delle Ricerche (CNRS), Tamim Asfour dell’Istituto Tedesco Karlsruher per le Tecnologia, Stefano Stramigioli dell‘Università Olandese di Twente.

I sei finalisti verranno scelti il prossimo 4 Dicembre a Vienna durante la conferenza ICT2018 e riceveranno un anno di finanziamento delle attività preparatorie. Nel 2020, dopo attenta valutazione, uno dei progetti finalisti sarà proclamato vincitore. Il premio? Un finanziamento da 1 miliardo di euro per l’attuazione del progetto nei successivi 10 anni.

E voi, che ne pensate? In futuro i robot saranno made in Italy?



articoli correlati

WhatsApp: trucco per visualizzare foto senza accedere all’app

NozamaLab.com

Smartphone Huawei Mate X: la scheda tecnica

Veronica Mandalà

Xiaomi vs Huawei: chi ha lo smartphone con fotocamera migliore?

NozamaLab.com

Social Good app: come funziona l’applicazione di Crypto Back. Affidabile? O diffidare?

NozamaLab.com

Sky Mobile Italia: dalla tv alla telefonia mobile. Cosa aspettarsi?

NozamaLab.com

Pappagallo utilizza Amazon Alexa per ordinare il cibo: ecco l’incredibile storia

Veronica Mandalà

Z-library nuovo sito 2022 (italiano): come scaricare migliaia di ebook e libri gratis. Si può fare?

NozamaLab.com

Android: elenco dei dispositivi compatibili a 9 Pie

Alessandro Lella

Apple: arriva il nuovo MacBook Air

Alessandro Sieve

200 app e giochi scontati e GRATIS su Play Store: eccoli qua

NozamaLab.com

Vivo NexDual Display: doppio schermo AMOLED e 10 Gb di RAM

Veronica Mandalà

Microsoft Surface Earbuds: la risposta alle AirPods di Apple

NozamaLab.com