internet Tecnologia

Come vedere il calcio inglese in streaming

Come vedere il calcio inglese in streaming

Negli ultimi anni il calcio inglese è quello ad essere cresciuto maggiormente sotto tutti gli aspetti. Sono aumentati esponenzialmente gli investimenti, con piccole realtà dotate di stadio di proprietà e compagini minori che arrivano a spendere cifre vicino ai 100 milioni di euro nelle sessioni di calciomercato. Questo fatto è reso possibile grazie soprattutto ad un aumento a doppia cifra degli introiti derivanti dalla vendita dei diritti del campionato, la Premier League, oltre che delle coppe nazionali, tra cui spicca la FA Cup, più antica competizione calcistica al mondo. Spulciando gli ultimi numeri realizzati dal calcio inglese, il confronto con quello europeo si dimostra impietoso, non solo se paragonato alla Serie A. Il massimo campionato inglese riceve oltre 2 miliardi di euro per la sua trasmissione all’estero, una cifra che doppia il valore raggiunto dalla Liga e supera di 10 volte quanto incassato dal campionato nostrano.

Ad oggi è SkySport che ha scelto di investire sul calcio inglese, anche perché non intenzionato a partecipare ad aste al rialzo per quanto riguarda la Serie A, dove gran parte del mercato è stato preso da DAZN. L’emittente nata in Inghilterra, ma presente in tutto il mondo, ha scelto la strada dell’internazionalizzazione trasmettendo in via esclusiva non solo la Premier League ma anche Bundesliga e Ligue 1.

I diritti televisivi fruttano a ciascuna delle 20 squadre di Premier League una cifra superiore ai 100 milioni, vicino ai 200 milioni in caso di top club come il Manchester City. Nel caso del massimo campionato italiano, invece, la compagine che raggiunge la cifra più alta è l’Inter (secondo i dati della stagione 2021/2022) con una cifra vicina ai 90 milioni.

La Premier League è tra i pochi campionati su scala europea ad ospitare delle vere lotte per la vittoria, non corse a due o gare singole, come spesso capita in altre realtà. Nel caso di Bundesliga e Ligue 1, il vero obiettivo ai blocchi di partenza è quello di interrompere il dominio, rispettivamente, di Bayern Monaco e Paris Saint-Germain, elemento che di fatto toglie spettacolo all’intero campionato. Un discorso simile può essere fatto per la Liga, anche se in questo caso si parla di corsa a due: Real Madrid e Barcellona si contendono il primato, lasciando le briciole alle inseguitrici. La Serie A italiana è quella più incerta ai blocchi di partenza, ma rimane un campionato lontano dai fasti conosciuti ormai decenni fa.

Il massimo campionato inglese, perciò, sopravvive anche per mancanza di alternative valide. I grandi investimenti fatti rendono attrattiva l’Inghilterra e le migliori compagini britanniche diventano meta dei giocatori più forti. Volendo fare una griglia di favoriti per quanto riguarda la Premier League, è impossibile non citare per primo il Manchester City, vincitore della passata edizione. I Citizens, tuttavia, non hanno di certo avuto vita facile, con l’Arsenal che ha occupato il primo posto del campionato per oltre metà stagione. Nella precedente annata, inoltre, si registrano prestazioni ben al di sotto dei propri livelli sia di Chelsea che di Liverpool, da cui è lecito attendersi qualcosa in più quest’anno. Basti vedere che i Blues l’anno passato hanno clamorosamente mancato l’accesso ad una competizione europea e i Reds l’hanno ottenuto solo per l’Europa League. Anche le quote sulla FA Cup di quest’anno vedono favorita la compagine di Pep Guardiola, proprio come avviene per la Premier League e la Champions League. Gli altri club reputati in corsa per il successo sono il Manchester United e il Newcastle, che grazie ai recenti investimenti può ambire ad alzare un trofeo. Più arduo il trionfo del Tottenham ad esempio, orfano di Harry Kane, capitano e trascinatore del reparto avanzato.

Il calcio inglese non si limita però a due competizioni, anzi, il calendario si riempie anche grazie alla Carabao Cup e al Community Shield. La prima è decisamente meno corposa della FA Cup: è una competizione aperta ai soli club professionistici e le squadre di Premier League saltano la prima fase della competizione. Il Community Shield, infine, si assegna su partita secca tra la compagine che ha vinto la FA Cup e quella trionfatrice in Premier League. Nel caso in cui si tratti della medesima squadra, la sfida è tra la vincitrice e la seconda in classifica: nella precedente stagione, ad esempio, si sono sfidate Manchester City (vincitore di tutte le competizioni) e Arsenal.


articoli correlati

Z-library nuovo indirizzo 2024 (italiano): come scaricare migliaia di ebook e libri gratis. Si può fare?

NozamaLab.com

Migliori auto elettriche economiche: i modelli su cui conviene investire

NozamaLab.com

Tik Tok pubblicità (ads): come farla al meglio

NozamaLab.com

VPN Gratis vs VPN a Pagamento

NozamaLab.com

Connettersi ad un server Svizzero: guida completa per ottenere un IP dalla Svizzera

NozamaLab.com

Chi è la mamma di Angelina Mango? E chi era il papà

NozamaLab.com