Tecnologia

Password 2019: la keyword più usata “123456”. E tu? Usi una di queste?

password più utilizzata

Il lupo perde il pelo ma non il vizio. Lo stesso dicasi per la password, la magica parolina che racchiude la nostra vita privata e ottima preda per squali virtuali come gli hacker. Anche quest’anno non è mancata la classifica delle 100 password più brutte stilata da SpashData in base alle parole chiave che sono rubate su Internet.

123456” e “password” trionfano per il quinto anno consecutivo, piazzandosi rispettivamente al primo e al secondo posto della speciale lista che racchiude le parole chiave più semplici e prevedibili, facilitando in tal modo la strada ai cybercriminali. Completano la top ten  “123456789”, “12345678”, “12345”, “111111”, “1234567”, “sunshine”, “qwerty” e “iloveyou”.


Tra le altre peggiori password più comuni ci sono pure princess, admin, welcome, 666666, abc123, donald, football, 123123, monkey, 654321, [email protected]#$%^&*. E lo stesso dicasi per charlie, aa123456, donald, password1 e qwerty123.

Il Ceo della società Morgan Slain ha spiegato a tal proposito:

Gli hacker hanno grandi possibilità quando si usano nomi di celebrità, termini dallo sport e dal mondo della cultura.

Classifica Password 2019: il trend non cambia

Tra il 2018 e il 2019 la situazione è rimasta invariata: infatti gli utenti utilizzano le stesse password, dimostrando in tal modo che proteggono i propri account con un livello di sicurezza superficiale e facilmente soggetto ad attacco hacker.



La classifica stilata da SplashData fa riferimento a oltre 5 milioni di password rubate dagli hacker in Europa Occidentale ed in Nord America. Inoltre, un altro dato allarmante ricavato da SplashData è quello per cui si stima che nel mondo circa il 10% delle persone abbia utilizzato o stia utilizzando per i propri account una delle peggiori password più comuni sopra elencate.
Di questi tempi la sicurezza è quanto mai a rischio, nonostante l’efficienza e la qualità degli antivirus sia migliorata negli ultimi anni, tanto che gli hacker devono impegnarsi nell’inventare malware e altre azioni virali che possano compromettere la cybersecurity degli utenti.

articoli correlati

Nuova funzione Google Chrome: individua i siti “fake”

Veronica Mandalà

Kindle Paperwhite rivoluzionato: più leggero e resistente. [PREZZO]

Marco Giglia

Nasa cerca volontari per stare a letto 2 mesi: è compreso uno stipendio di 19.000 $

Veronica Mandalà

Android: elenco dei dispositivi compatibili a 9 Pie

Alessandro Lella

Xiaomi si espande: acquistate le quote della multinazionale TCL

Gabriele Muraro

Chi è il fondatore di Google? Il motore di ricerca numero 1 al mondo

Alessandro Sieve

Nokia 9 PureView pronto al debutto: Ecco quando arriverà e il prezzo

NozamaLab.com

Arriva Lenovo S5 Pro: uno smartphone di tutto rispetto ad un superprezzo

Marco Giglia

iPad Pro 2019-2020: trapelano informazioni sul nuovo modello bordless

Marco Giglia

Cos’è BOT Get FREE Bitcoin: la nuova truffa di Telegram

Veronica Mandalà

Come scaricare video da YouTube in modo semplice e veloce. I migliori link utili

Alessandro Sieve

Xiaomi Mi Mix 3: 10 GB di RAM, fotocamera a scomparsa e molto altro

Marco Giglia