Tecnologia

La conoscete la più famosa roccia terrestre proveniente dalla Luna?

La conoscete la più famosa roccia terrestre proveniente dalla Luna?

TestDebiti

Per quanto concerne la scoperta di questa roccia bisogna risalire al 1971, alla missione Apollo 14 che riportò il frammento nella sua terra di origine.

Si tratta di una delle rocce più antiche della Terra, formatasi circa 4 miliardi di anni fa durante il periodo di formazione dei continenti. In seguito all’impatto di un asteroide che urtò il nostro pianeta, la roccia venne espulsa raggiungendo il nostro satellite.

Grazie all’ambiente lunare privo di atmosfera, e quindi privo di sostanze volatili in grado di corrodere od alterare i materiali, la roccia rinvenuta è l’unico esempio puro per analizzare la composizione terrestre dei tempi antichi.

Terra-Luna e Luna-Terra

4 miliardi di anni fa la Terra era spesso soggetta ad impatti da parte di asteroidi, derivanti dai frammenti residui della formazione di altri pianeti. Era dunque fisiologico che alcuni materiali rocciosi, con l’impatto, venissero scaraventati nell’atmosfera per talvolta perdersi nello spazio.


Non è però il caso della roccia rinvenuta 48 anni fa: grazie alla ravvicinata distanza della Luna rispetto ad oggi, di circa tre volte, il frammento composto di roccia granitica lungo circa 2 cm, un mix di quarzifeldspati cristalli di zircone, giunse sulla superficie lunare per risiederci molti anni.

Dopo una partita a golf sulla luna, Alan Shepard ed il suo collega Edgar Mitchell raccolsero e riportarono inconsciamente il frammento terrestre a casa, assieme a 40 chili di roccia lunare raccolti durante la missione Apollo 14.

La scoperta

E’ notizia più recente la scoperta del frammento terrestre, attribuita ad un team di scienziati coordinati da David Kring. Il Dr. Kring è un geologo lunare del Lunar and planetary institute di Houston, il quale ha scovato la roccia inglobata all’interno di “Big Bertha”, un frammento lunare di grosse dimensioni.

Ciò che ha confermato l’origine terrestre sono state le analisi eseguite sul frammento, il quale risulta essersi formato in un ambiente ricco di acqua. I minerali presenti specificano la profondità di formazione pari a circa 19 chilometri sotto la superficie terrestre.

Decifrare le origini della Terra

Per risalire al periodo di formazione, il team di esperti di Houston ha dovuto misurare il livello di decadimento dell’uranio presente nei zirconi, il quale ci ha comunicato i 4 miliardi prima citati.


Analisi su titanio cesio hanno invece permesso di comprendere , in ordine, la pressione con cui si è formato il frammento di roccia e la quantità d’acqua presente.

Non è l’unica roccia risalente a quel periodo, è tuttavia l’unica a non aver subito alterazioni morfologiche grazie all’effetto “sotto vuoto” consentito dall’ambiente lunare. Ciò permette agli esperti di avere un’immagine più affidabile per quanto riguarda la composizione morfologica della Terra di 4 miliardi di anni fa.

Potrebbe non essere l’unico nel suo genere

In seguito alla pioggia di meteoriti del periodo Adeano, il quale ci ricorda l’inizio del fenomeno detto tettonica a placche, potrebbero essere molti i frammenti di roccia terrestre come quello rinvenuto presenti sulla superficie lunare.

Potrebbe così il satellite, con delle accurate ricerche, diventare un archivio geologico di pezzi narranti la storia del nostro pianeta.



articoli correlati

Vuoi avere 200 € di risarcimento da Facebook? Ecco come fare (Altroconsumo)

NozamaLab.com

OnePlus e McLaren si uniscono per creare un’edizione speciale del 6T

NozamaLab.com

Apple non ha fretta di lanciare un iPhone PIEGHEVOLE: Ecco perché

NozamaLab.com

LIBRA, moneta digitale di Facebook, mette a rischio il sistema finanziario

NozamaLab.com

OnePlus 6 Red: uscita, caratteristiche e prezzo ufficiale

NozamaLab.com

Ciao Darwin? Evolution news contesta la nota teoria

Italo Sorighe

Apple sistema limitato. iPhone destinato a morire?

Fabio Lo Verde

Fortnite Halloween: arriva l’evento spaventoso. Ecco cosa aspettarsi

NozamaLab.com

Xiaomi lancia il marchio “POCO”: Pocophone F1 caratteristiche in anteprima

NozamaLab.com

Monopattino Xiaomi M365 può essere hackerato da smartphone (VIDEO)

Veronica Mandalà

Capodanno con Spotify: le canzoni più ascoltate

NozamaLab.com