Tecnologia

In arrivo la pubblicità su Whatsapp: gli utenti sono furiosi. Ecco come sarà

In arrivo la pubblicità su Whatsapp: gli utenti sono furiosi. Ecco come sarà

TestDebiti

La pubblicità sta per arrivare su WhatsApp. Proprio così, come annunciato ormai da diversi mesi dai siti specializzati, anche l’app di messaggistica più utilizzata al mondo, (l’applicazione tra l’altro più scaricata in assoluta dagli italiani), a breve compariranno degli annunci di prodotti che “disturberanno” le nostre conversazioni.

Il servizio che è stato acquistato nel 2014 da Mark Zuckerberg, proprietario di Facebook, ha così trovato il modo per monetizzare i miliardi di utilizzatori della stessa app, attraverso appunto il più classico dei mezzi del web ovvero la pubblicità.

Stando a quanto avevano annunciato gli sviluppatori negli scorsi mesi, non dovrebbe trattarsi di pubblicità invasiva, ma sono molti gli utenti, come scrive TuttoAndroid, che sarebbero già sul piede di guerra a causa di questa “novità”. Se le anticipazioni verranno confermate, le pubblicità avverranno in “stile Instagram”, quindi fra una storia e l’altra, anche se a riguardo non vi è ancora alcuna conferma.


Stando a quanto sostenuto da Chris Daniel (il vice-presidente di WhatsApp), grazie a questa nuova funzione le attività commerciali potranno raggiungere più facilmente gli utenti dell’app messaggistica, tenendo conto anche della quantità ingente di dati che è stata raccolta in questi ultimi anni da “papà” Facebook. Dicevamo di alcuni utenti sul piede di guerra, soprattutto perché si sentirebbero traditi dall’annuncio avvenuto nel 2012 dalla stessa compagnia, che prometteva di non inserire mai la pubblicità nella propria app:

«In ogni compagnia che vende pubblicità una fetta consistente del team di ingegneri dedica il proprio tempo a mettere a punto il sistema di raccolta dati, alla scrittura di un codice in grado di ottenere il maggior numero possibile di informazioni sugli utenti e sulle loro abitudini, verificando che tutto sia registrato e gestito correttamente.


Alla fine della giornata il risultato di tutti questi sforzi è un banner pubblicitario leggermente diverso sul browser o sul dispositivo mobile».

Probabile che Telegram ne benefici se si dovesse realizzare realmente una fuga di massa da WhatsApp, ma prima, meglio aspettare l’effettiva introduzione della pubblicità per cercare di capire in che modo avverrà.



articoli correlati

Nel 2035 i contabili non esisteranno più: i robot amministrativi li sostituiranno

NozamaLab.com

Arriva il reddito energetico in Puglia: Pannelli fotovoltaici gratis per i più poveri

NozamaLab.com

Apex Legends in concorrenza con Fortnite: 25 milioni di utenti in 1 settimana

Gabriele Muraro

Apple in crisi: persi 9 miliardi di dollari. Ecco i motivi

Veronica Mandalà

Sony lancia l’ultima versione di Xperia XZ4 (VIDEO)

Veronica Mandalà

Xiaomi Redmi Go: scheda tecnica e prezzo

Veronica Mandalà

Apple lancerà 3 nuovi iPhone nel 2019: confermate le triple fotocamere

Veronica Mandalà

Inspiring Fifty Italia 2018: chi sono le 50 donne più influenti della tecnologia

Veronica Mandalà

Sviluppatrice batte Pi Greco grazie a Google Cloud: la storia

Veronica Mandalà

La conoscete la più famosa roccia terrestre proveniente dalla Luna?

Gabriele Muraro

Medicina, ultima frontiera: la precisione della chirurgia robotica

Marco Giglia

Apple 2019: cosa dobbiamo aspettarci quest’anno

NozamaLab.com