Come NON farsi bannare da Amazon: ecco alcuni consigli
Tecnologia

Come NON farsi bannare da Amazon: ecco alcuni consigli

Come NON farsi bannare da Amazon

Come non farsi bannare da amazon? Atteggiamento corretto e linguaggio appropriato per non essere ‘bannati’ da Amazon. Proprio così, l’azienda di Jeff Bezos tiene parecchio al bon ton e alle buone maniere e, in caso di comportamenti o frasi inappropriati, limita gli accounts dei clienti bloccando ogni accesso alla community.

Questo perché? Amazon vuole tutelare valori come integrità, onestà e serietà. Ciò comporterebbe una sospensione dell’attività recensoria di chi contraddice i dettami di Amazon, venendo additato come inadempiente e fautore di presunte violazioni-frodi-raggiri non ben specificati.


Tale atteggiamento può tuttavia rivelarsi un’arma a doppio taglio: da un lato blocca gli utenti potenzialmente trasgressivi ma, dall’altro può possono derivarne conseguenze spiacevoli, figlie di false recensioni.

Come non farsi bannare da Amazon: cosa succede?

Essere bannati dalla Community di Amazon vuol dire non poter avere:

  1. Visibilità delle reviews inserite;
  2. Comunicazione per le domande utenti;
  3. Scambi col forum.

Cosa significa? Semplicemente l’utente non può usufruire di uno “spazio privato” offerto da Amazon. Tale provvedimento scatta dopo una serie di segnalazioni effettuate dagli utenti che ritengono inopportuno il commento o l’atteggiamento della persona protagonista della querelle.


Tempistiche e tipo di segnalazione sono certamente funzionali e frutto di meccanismi logistici stabiliti da un preciso programma, atto ad analizzare dati e processi di profilatura che interpretano con strumenti automatici e manuali l’attività degli accounts, categorizzandola come “anomala” oppure valutata come “sospetta o potenzialmente disonesta”.

È bene precisare che Amazon potrebbe incorrere in guai penali e civili qualora dovesse eliminare i profili degli utenti o accusarli apertamente di ingiuria e diffamazione senza prove certe che attestino queste condotte illecite.


Per tale motivo occorre rendere trasparenti classifiche e recensioni stilate dagli utenti che, in termini di profitti, sono un autentico tesoro per Amazon. Guadagni, fidelizzazioni, clienti nuovi e maggiori introiti per incrementare le performances di una macchina da guerra e-commerce ben avviata e pronta a fare ulteriormente il salto di qualità.

Differenza tra ingiuria, diffamazione e calunnia

Come non farsi bannare da Amazon? Recensire un prodotto o servizio offerto da una determinata azienda è fondamentale per accrescere la sua reputazione. Commentare in modo chiaro, semplice ed educato senza cadere nella tentazione di offendere o denigrare il prossimo. Per tale motivo è fondamentale distinguere tra ingiuria, diffamazione e calunnia.


Ingiuria, diffamazione e calunnia sono simili in quanto ruotano attorno al concetto di reputazione, ma presentano pur sempre delle differenze. Partiamo dall’ingiuria: essa è vincolata dall’art. 594 del codice penale e consiste nell’offendere l’onore o il decoro di una persona presente.

Passiamo adesso alla diffamazione, il cui reato è disciplinato dall’articolo 595 del codice penale. La diffamazione attiene all’offesa dell’altrui reputazione in assenza della persona offese; in questo caso devono essere presenti almeno due persone.


La calunnia, vincolata dall’articolo 368 del codice penale, si consuma quando taluno, previa denuncia o querela, incolpa di un reato una persona che sa di essere innocente, oppure simula a carica di una terza persona le tracce di un reato.


“Come non farsi bannare da Amazon” è una domanda seguitissima al momento, poichè tantissimi utenti normali come te stanno subendo dei ban per quanto riguarda la scrittura di recensioni. Le motivazioni possono essere diverse e non sicure. Speriamo solo di esserti stati utili con questi suggerimenti. In ogni caso cerca sempre di contattare l’assistenza Amazon per maggiori chiarimenti: Ecco come contattare Amazon Italia. Scrivici nei commenti se ti siamo stati utili.

Loading...

articoli correlati

Allarme BUFALA: Whatsapp torna a pagamento nel 2019

Nozama Lab

Apple sistema limitato. iPhone destinato a morire?

Fabio Lo Verde

Metropolitana di Londra si rinnova: ecco i treni hi-tech

Veronica Mandalà

Insight approda su Marte: inizia lo studio del sottosuolo rosso

Veronica Mandalà

Ciao Darwin? Evolution news contesta la nota teoria

Italo Sorighe

Huawei: arriva il nuovo Watch GT

Alessandro Sieve

Leave a Comment