Tecnologia

Amazon One Vendor: Bezos rivenderà i dati dei consumatori. Anche i tuoi

amazon one vendor dati

Amazon cambia pelle. Nato a Seattle nel luglio del 1994, l’azienda di Jeff Bezos ha rivoluzionato l’intero globo in termini di shop online e di capitalizzazione di mercato. E adesso sembra essere giunta ad una svolta che prende il nome di “One Vendor“, un progetto finalizzato alla creazione di un unico grande negozio online.

Cosa succederà? Da un lato, le aziende che vendono i propri prodotti su Amazon Marketplacer diventeranno grossisti e dall’altro, invece il gruppo di Bezos gestirà la parte retail, relativa alla vendita diretta dei prodotti ai consumatori finali mediante Amazon Retail. E in termini di risultati? Innanzitutto Amazon eserciterà un maggiore controllo sui prezzi e le promozioni dei prodotti venduti. Secondo poi otterrà il possesso esclusivo dei dati sui compratori.


La notizia è stata riportata dalla rivista online america Recode, che ha posto in enfasi l’aggressività con cui Amazon ha spiazzato alcuni competitors, costretti a ritirarsi dalla piattaforma e-commerce. Ma, come riporta il Corriere della Sera, Amazon smentisce categoricamente le sue intenzioni:

“Non c’è nessun programma One Vendor, né negli Stati Uniti né in Europa. Stiamo ottimizzando e standardizzando gli strumenti di vendita per i seller, così da creare efficienza”.

Amazon One Vendor cos’è

Amazon One Vendor sarebbe un ritorno alle origini per Amazon. Agli esordi, la società di Bezos acquistava prodotti all’ingrosso da produttori e fornitori per poi venderli ai clienti sul proprio sito online. La svolta è arrivata nel 2002 con Amazon Marketplace, ossia la piattaforma e-commerce che permette a terzi, grandi aziende e imprese individuali, di commercializzare i propri prodotti in cambio di una commissione.

[amazon_link asins=’B00W0VK4YO’ template=’ProductAd’ store=’jpfitness0d-21′ marketplace=’IT’ link_id=’b9090655-fc11-11e8-948a-5dcc9d2d900c’]

Ciò apporta indubbi vantaggi: da un lato i venditori possono raggiungere la clientela di Amazon, mentre Amazon stesso può ampliare l’offerta senza i costi e i rischi di ingrandire il magazzino. Basti pensare che  oltre il 50% di tutte le vendite negli 11 siti globali di Amazon derivano da venditori terzi; e oltre 20 mila piccole e medie imprese hanno superato un milione di dollari di vendite su Amazon nel 2017.


In Italia, in particolar modo, più di 10 mila Pmi sono su Amazon, di queste oltre un terzo esporta i prodotti, specie in Europa, con 350 milioni di vendite all’estero nel 2017.

Jeff Bezos gestisce i tuoi dati



Il grande business di Amazon sarà quello di vendere i dati dei propri utenti grazie alla sua popolarità in tutto il mondo. Ma al momento il negozio online più grande al mondo continua a gravitare intorno a migliaia di vendite di prodotti. Amazon One vendor si compirà?

Loading...

articoli correlati

Aggiornamento Windows 10: ecco alcuni consigli utili

Veronica Mandalà

AUTO ELETTRICHE: molti le vogliono, nessuno le compra. Ecco perché

Nozama Lab

Samsung Galaxy Fold: caratteristiche, data di uscita e Prezzo

Veronica Mandalà

Porsche 911 Speeder: il debutto che ha il retrogusto di un omaggio

Veronica Mandalà

Xiomi Mi8: Boom di vendite! Acquistati più di 50000 smartphone al giorno

Marco Giglia

Jeff bezos: hackerato il telefono del Patron di Amazon. Perché ?

Nozama Lab