Economia Tecnologia

E-Novia, ricavi salgono a 8,4 milioni di euro. I dettagli

e-novia

Il gruppo conferma lo sviluppo e supera le previsioni
Il CEO Vincenzo Russi: «Un unicum in Italia: manifattura di alta tecnologia che adotta
 in un contesto digitale la cultura della Fabbrica».

Scannavini dalla presidenza dell’ICE a quella della Fabbrica di Imprese.

E-NOVIA, NEL 2018 RICAVI A 8,4 MILIONI EBITDA IN CRESCITA DEL 124% IL GRUPPO CONFERMA IL PERCORSO VERSO LA QUOTAZIONE: SCANNAVINI NUOVO PRESIDENTE

Un valore della produzione che supera gli 8,4 milioni di euro con un incremento dei ricavi del 51% rispetto all’anno precedente e del 124% per quanto riguarda l’Ebitda con utile netto, in crescita, per il quarto anno consecutivo. Sono solo alcuni tra i numeri più significativi del bilancio 2018 di e-Novia, la Fabbrica di Imprese, approvato mercoledì 17 aprile dall’assemblea degli azionisti. Preso atto della crescita della presenza internazionale del gruppo, delle sue 27 iniziative imprenditoriali, della redditività e dell’interesse degli investitori, è stato designato un working group che ha studiato e delineato il percorso verso la quotazione di e-Novia in borsa. L’Assemblea ha quindi nominato Michele Scannavini, già Presidente dell’Ice, nuovo presidente al posto dell’uscente Umberto Simonelli Silva.

«Ho creduto nel progetto di e-Novia fin dalla sua nascita – ha dichiarato il neo-Presidente Michele Scannavini -. Sono tre i punti di forza di questo gioiello che ritengo unico nel panorama italiano: il modello di business che coniuga alta tecnologia e tessuto manifatturiero del Paese; la capacità di generare non solo imprese ma soprattutto imprenditori, giovani di grandissime competenze che hanno così la possibilità di scegliere di realizzare in Italia progetti di altissimo valore; la qualità delle persone che hanno dato vita a questa avventura». Scannavini, milanese, classe 1958, ha alle spalle una lunga carriera internazionale tra cui la presidenza dell’Ice, Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, carica che ha ricoperto dal giugno 2016 all’autunno del 2018. Laureato in economia alla Bocconi Scannavini ha iniziato la sua carriera in ambito marketing e commerciale in aziende internazionali come Procter & Gamble e Galbani, di cui è stato direttore marketing, per poi diventare vicepresidente marketing and sales worldwide di Ferrari. Nel 1999 è approdato in Fila come Amministratore Delegato. Nel 2002 ha lasciato l’Italia per entrare in Coty, leader nel settore dei profumi e cosmetica, con sede a Parigi e New York. Scannavini ha ricoperto il  ruolo di Presidente di Coty prestige, la divisione lusso del gruppo, e CEO di Coty Group. Nel 2013 ha guidato Coty alla quotazione al Nyse di Wall Street. È stato poi business advisor per aziende nel settore del luxury e dal 2015 al 2018 membro del Consiglio di amministrazione di Tod’s group.

Il bilancio

Al centro dell’assemblea degli azionisti di e-Novia c’era l’approvazione del bilancio 2018 che ha dimostrato una progressione in tutti gli indici finanziari che hanno oggi un posizionamento al di sopra del benchmark nazionale. Il rafforzamento delle relazioni con università, centri di ricerca e società leader di mercato da una parte, lo sviluppo delle 27 imprese del portfolio dall’altro, guidati da una rigorosa governance, hanno permesso a e-Novia di confermare l’eccezionale trend di crescita che per l’anno 2018 ha visto un valore della produzione complessivo di 8.406.101 euro registrando così un incremento del 51% rispetto all’anno precedente. Si è confermata anche la capacità di creare valore dalla propria gestione caratteristica, così come l’incremento dell’Ebitda pari a 579.008 euro (+124% rispetto al 2017, quindi più che duplicato rispetto all’anno precedente), e frutto della capacità di erogare le proprie attività in modo efficiente attraverso una pianificazione rigorosa, e il supporto di tutti gli strumenti e le tecniche della Fabbrica di Imprese a sostegno dei processi di controllo di gestione delle «catene di montaggio».

«Il 2018 che ci lasciamo alle spalle è stato un anno di partecipazione travolgente, di sperimentazione profonda e di crescita oltre le già ambiziose aspettative – dichiara Vincenzo Russi, CEO di e-Novia– Abbiamo prodotto risultati positivi rigorosamente certificati, con un valore dei ricavi, derivanti dai servizi di ingegneria verso clienti corporate e verso le società in Portfolio, cresciuto del 51% rispetto all’anno precedente e del 4% rispetto al piano industriale, e un EBITDA cresciuto del 124% sul 2017 e dell’80% sul piano industriale. Il 2018, che ha posto le fondamenta per questo nuovo salto, è stato il nostro quarto anno di storia. Quattro anni che ci rafforzano nella consapevolezza di essere un unicum in Italia: technology manufacturer e provider, non technology consumer. Un unicum per la nostra capacità di portare la cultura italiana di fabbrica nel mondo del digitale; un unicum per il fatto di rappresentare un luogo di sperimentazione del modello di fabbrica del futuro».

Significativa nel 2018 anche la crescita dal punto di vista del capitale umano: gli under 30 nella Fabbrica di Imprese sono ora il 64% del totale, mentre il 24% ha un’età compresa fra i 31 e 40 anni. Il 95% dei collaboratori è in possesso di una laurea magistrale, uno su quattro (24%) è in possesso di Phd o dottorato. L’inizio del 2019 ha già confermato il trend positivo delineatosi nel 2018 e la società nei primi mesi dell’anno ha ottenuto risultati di assoluto rilievo. Il Financial Times ha inserito e-Novia tra le mille  aziende europee che sono cresciute più velocemente negli ultimi tre anni. La società nata e cresciuta a Milano ha registrato, tra il 2014 e il 2017, un tasso di sviluppo record pari al 506%. Un risultato che ha determinato una volta ancora l’ingresso di e-Novia nella classifica pubblicata il primo marzo dal quotidiano economico-finanziario britannico. Considerando le imprese italiane che si occupano di alta tecnologia ed escludendo le aziende di e-commerce, e-Novia fa il suo ingresso fra le prime tre società hi-tech a più alta crescita del nostro Paese.

Per quanto riguarda le imprese in Portfolio sono confermati i trend di crescita in termini di evoluzione del prodotto, presenza nei mercati e ricavi. Yape, il robot a guida autonoma per la last mile delivery, dopo aver effettuato in gennaio la prima consegna in Giappone grazie alla collaborazione con Japan Post ha ottenuto il prestigioso «German Design Award». e-Shock ha stretto una importante collaborazione (e un investimento di 6 milioni di euro) con il gruppo Streparava per la realizzazione delle nuove piattaforme per la guida autonoma.

Che cos’è e-Novia

e-Novia è una «Enterprises Factory», che trasforma ricerca in prodotto, ricercatori in imprenditori, startup in imprese. La “Fabbrica di Imprese” quindi promuove, costituisce e sviluppa società innovative, ad alto valore tecnologico, attraverso la valorizzazione delle proprietà intellettuali sviluppate in collaborazione con i principali istituti di ricerca italiani e con le corporate internazionali e veicolati in progetti di start up attraverso la propria «linea produttiva» composta da due «anime»: la Invention Foundry e la Enterprise Foundry. La prima trasforma proprietà intangibile in invenzioni tangibili, la seconda trasforma invenzioni in imprese innovative. Al suo interno lavora un pool di circa 100 ingegneri (220 con tutte le imprese controllate e partecipate), designer e business expert, che vantano un know-how negli ambiti Sensing (Computer vision, Artificial Perception e Natural Language), Reasoning (Artificial Intelligence, Multi Sensor Fusion, Advanced Correlation Algorithms, Autonomous Decisions) e Acting (Human-Robotics Interaction, Smart Motion, Mechanic Biwiring). Oggi il portfolio di imprese di e-Novia conta 26 enterprises, tra controllate e partecipate, attive nelle aree strategiche della Smart Factory, Smart Transportation, della Mobility as a Service e del Med-Tech. Soci fondatori di e-Novia sono Vincenzo Russi, Ivo Boniolo e Cristiano Spelta (in ruoli esecutivi) e Sergio Savaresi, professore e ricercatore universitario.

Inserita dal Financial Times tra le mille aziende europee che sono cresciute più velocemente negli ultimi tre anni e dal Inc. tra le cinquemila aziende europee a più rapida crescita, e-Novia continua a produrre numeri significativi, dai ricavi agli investimenti passando per il personale assunto, le imprese e i brevetti: i capitali raccolti dalla sola e-Novia ammontano a circa 20 milioni, e con tutte le imprese del gruppo superano i 50 milioni, 27 sono stati i progetti imprenditoriali fino ad oggi generati e più di 40 i brevetti internazionali depositati.

Loading...

articoli correlati