Tecnologia

Fortnite: dipendenti sfruttati! 100 ore di lavoro settimanali

Fortnite: dipendenti sfruttati! 100 ore di lavoro settimanali

Epic Games non dà tregua agli sviluppatori, chiamati a migliorare costantemente le performances di Fortnite. Questo implica inevitalbimente una mole di lavoro eccessiva, che costa ore e ore di fatica in più per i dipendenti. Lo riporta Polygon.

Fortnite, specie in modalità Battaglia Reale, ha ottenuto un immediato successo a seguito del lancio avvenuto nel settembre 2017. Da quel momento in poi, l’obiettivo primo di Epic Games è stato quello di mantenere la popolarità acquisita.

Le ipotesi

Varie ipotesi emergono in proposito. Una afferma: “Se una versione del gioco viene rilasciata e c’è una reazione negativa, allora qualcuno in cima alla catena di comando dice: ‘Dobbiamo cambiare questa cosa’, e tutti vengono tolti dalle loro occupazioni e messi al lavoro su questa cosa; tutti devono cancellare gli impegni personali poiché dovranno dare tutto quello che hanno fino a quando il lavoro non è finito. Non c’è mai una fine, però. È perfetto per dare supporto alla community e al pubblico, ma c’è sempre un prezzo”.


Ciò si traduce, da un punto di vista statistico stimato dalle fonti di Polygon comprendenti lo staff di Epic, appaltatori esterni, QA e servizio clienti, nel fatto che almeno 100 dipendenti lavorano 70 ore a settimane, mentre altri sforano le 100 ore.

Numeri davvero inquietanti confermati peraltro da una fonte aggiuntiva:

Tutto deve essere fatto immediatamente”, spiega una fonte, “Non abbiamo il diritto di prenderci del tempo per noi. Se qualcosa si rompe -un arma, per esempio- allora non possiamo semplicemente disattivarla e correggerla con la patch successiva. Deve essere fatto subito, e nel frattempo stiamo anche lavorando alla patch delle prossima settimana. È brutale”.

Rapidità nell’esecuzione, tempistica da primatista e tanto stress accumulato per lo staff. “Siamo passati da avere un mese per prepararci, ad avere solo un giorno, alle volte. Molto spesso era obbligatorio rimanere al lavoro fino a quando non era tutto completo, senza ricevere alcun preavviso. Il marketing aveva fatto una promessa, quindi ci veniva detto che dovevamo farlo“. In caso di mancato impegno ‘extra’, continuano alcuni detrattori, sarebbe stato compromesso il profilo di impiegato modello, culminando in un licenziamento.

Lo stesso discorso vale per gli appaltatori. A tal proposito si vocifera che “tutti erano costretti a lavorare fino allo sfinimento. Anche i gestori degli uffici e delle strutture. Le uniche persone che possono permettersi di non lavorare di più solo quelli che dicono agli altri di fare gli straordinari”. Pena: il mancato rinnovamento del contratto.

Una situazione incredibile e allarmante, che compromette l’integrità psico-fisica del lavoratore chiamato a sforzi eccessivi in cambio di un prodotto di qualità. Ma a costo di cosa? Ai posteri l’ardua sentenza.



articoli correlati

Cos’è FooxEat: prima app italiana che confronta food delivery

Veronica Mandalà

Huawei: in arrivo il nuovo Matebook. Scoprilo ora

Alessandro Sieve

Google Fuchsia sarà compatibile con le app Android: Ecco come

NozamaLab.com

Xiaomi Mi PowerBank 2i Red Edition: tutto quello che devi sapere

NozamaLab.com

Come cambiare metodo di pagamento su iPhone e non solo: la guida

NozamaLab.com

Tutti i trucchi di Pokémon GO che dovresti conoscere

NozamaLab.com

Netflix non supporta più Apple Airplay: ecco il motivo

Veronica Mandalà

iPhone XR attrae sempre più utenti Android. Ecco perchè

NozamaLab.com

In arrivo la pubblicità su Whatsapp: gli utenti sono furiosi. Ecco come sarà

NozamaLab.com

Come ricaricare Iliad: Dove andare e cosa fare? Te lo spieghiamo

NozamaLab.com

Birra in capsule: LG lancia la Moda

Veronica Mandalà

“Dostupno” è l’app che invia messaggi senza WiFi e senza Rete

Gabriele Muraro