Tesla: sulle automobili si potrà giocare ai videogiochi
Tecnologia

Tesla: sulle automobili si potrà giocare ai videogiochi

Tesla videogiochi

Tesla: si apre una nuova frontiera dell’intrattenimento nelle automobili, con possibili polemiche legate alla distrazione del conducente al volante.

L’idea è di Tesla che nel nuovo aggiornamento del software per le Model 3, Model S e Model X (praticamente tutta la gamma) ha infilato tramite un display touch screen montato centralmente sul cruscotto i grandi classici videogiochi della Atari (società statunitense produttrice di videogiochi e di hardware per uso videoludico). Per ora i videogiochi sono i seguenti: Centipede, Lunar Lander e Missile Command.  Elon Musk (CEO di Tesla) ha confidato ai giornalisti di puntare anche Pole Position.


Pole Position è un simulatore di corse, collegato direttamente al volante dell’automobile. Tale funzione sarà, ovviamente, disponibile solo con l’automobile non in movimento. L’azienda di San Carlos però non ha intenzione di fermarsi ad Atari. Elon Musk attraverso Twitter ha infatti esortato anche altri sviluppatori di videogiochi a candidarsi a Tesla, spiegando come l’azienda desideri realizzare giochi che integrino il touch screen centrale, il telefono dell’utente e l’auto in contesti reali.

Tesla

Ovvio, si potrà giocare solo con l’automobile a motore spento, con il cambio in modalità parking e Il controller sarà il nostro volante, in diversi casi è stato possibile aggirare il blocco sul funzionamento della TV in auto, accessibile inizialmente solo con macchina ferma… Speriamo che il sistema Tesla sia più “blindato” da questo punto di vista. Voi cosa ne pensate?


Videogiochi a parte la versione 9.0 del software dell’auto porta in dote anche altre novità: un ulteriore sviluppo del sistema di guida autonoma a tre passaggi che consentirà al guidatore di rimuovere le mani dal volante solo al soddisfacimento di determinate condizioni, come: maggiore funzionalità alle telecamere di bordo che potranno funzionare come dashcam, registrando tutto ciò che succede intorno all’auto. Il tutto collegato ad un’unità flash con 1,8 GB di spazio e salvare video clip di 10 minuti.


Ora inoltre sarà possibile utilizzare il telefono per avviare aggiornamenti via etere dell’auto, caricare le informazioni di navigazione sull’auto e controllare i contenuti multimediali dal telefono. Insomma Tesla rilancia ancora sul fronte dell’elettronica e lavora sodo sul software che verrà utilizzato per migliorare la guida semi-autonoma di Autopilot.

 

Loading...

articoli correlati

Chi ha sabotato Tesla? Elon Musk disperato

Nozama Lab

Non solo smartphone: Anche bende e cerotti saranno oggetti intelligenti

Marco Giglia

Microsoft Surface: arrivano i “Tre Re Magi” della tecnologia

Alessandro Lella

Vodafone 5G: ecco quanto costa in Italia e come attivarla

Nozama Lab

Uber perde il 7,6 % di valore con l’entrata in Borsa, si riprenderà?

Nozama Lab

Xiaomi si espande: acquistate le quote della multinazionale TCL

Gabriele Muraro

Leave a Comment