Tecnologia

“Cerotto smart”: l’auricolare del futuro! Voci e suoni si sentiranno sulla pelle

“Cerotto smart”: l’auricolare del futuro

Una nuova futuristica invenzione e in fase di test, arriverà il “cerotto smart”, dunque iniziate a dimenticarvi i vostri auricolari tradizionali. Ecco i dettagli.

E’ già ora della pensione per i nostri auricolari? Una delle ultime invenzioni rivelerebbe proprio questo. Si tratta di un tipo speciale di “cerotti smart” che riproducono e registrano suoni e voci sulla nostra pelle, rendendo così inutili qualsiasi tipo di microfono e auricolare di oggi.

Lo so, fa strano pensarci. Vi starete chiedendo come sia possibile un’invenzione del genere eppure tra pochi mesi/anni sarà realtà.

Sulla rivista “Science Advances”, questi cerotti star sono stati ben descritti. Sono stati realizzati con nanomembrane trasparenti e flessibili nei laboratori del National Institute of Science and Technology di Ulsan, in Corea del Sud. 


Pensati principalmente per divenire ausili per i disabili, hanno soddisfatto talmente le aspettative che sono diventati utilizzabili anche come tecnologie indossabili per il riconoscimento vocale nello sblocco dei dispositivi come smartphone e computer e per ascoltare suoni. 

A quanto pare le membrane di questi cerotti smart sulla pelle, risulterebbero hi-tech essendo piu’ sottili di un tatuaggio temporaneo.

All’interno contengono un minuscolo reticolo di fili d’argento, rivestiti da strati di polimeri, flessibili, trasparenti e capaci di condurre segnali acustici. 

Dal punto di vista tecnico/scientifico/fisico il funzionamento è questo: il segnale audio elettrico che giunge dal lettore musicale al nostro cerotto smart fa si’ che il reticolo si surriscaldi fino a 33 gradi, in questo modo le variazioni della pressione nell’aria circostante vengono percepite dalle nostre orecchie come onde sonore. 

Invece, Il cerotto microfono, opera in modo opposto: converte le onde sonore prodotte dalla voce in segnali elettrici, i quali finiscono nello smartphone o nel computer per essere memorizzati e anche riprodotti. 

Il cerotto e’ in aggiunta abile nel registrare i suoni emessi dalla bocca, ma se posto sulla parete della gola puo’ riconoscere anche le parole dal movimento delle corde vocali percepito attraverso la pelle, incredibile vero?


Gli esperti che hanno testato il cerotto smart, hanno valutato una correttezza del 98% nel riconoscimento della voce.  

Dunque, senza troppi problemi, il prodotto diverrà commercializzatile in un futuro non troppo prossimo. I coreani al momento stanno cercando prodotti più economici per produrli, poiché al momento costerebbero troppo. Inoltre vi sono ancora margini di miglioramento nei dispositivi, così da poterli rendere il più accurati possibile. Un “cerotto smart” in alternativa agli auricolari, chi l’avrebbe mai detto, dalla Corea arrivano sempre tantissimi spunti tecnologici.


articoli correlati

Apple annuncia iPad Air 2019 e iPad mini 5

Veronica Mandalà

Robotica: arriva Atlas il robot che fa parkour

Alessandro Sieve

Apple 2019: cosa dobbiamo aspettarci quest’anno

NozamaLab.com

Samsung investe 40 milioni $ in videogiochi esclusivi per Galaxy. Eccoli

NozamaLab.com

Xiaomi Mi 9 è sold out. Cifre record per il nuovo smartphone cinese

Fabio Lo Verde

Smartphone Galaxy S10 5G e Galaxy Fold: spaziali e pieghevoli

Fabio Lo Verde

Smartphone Xiaomi pieghevole: il dispositivo che diventa tablet

Veronica Mandalà

Apple potrebbe presentare un nuovo MacBook da 16 pollici. I dettagli

Gabriele Muraro

Sony Xperia 10 e 10plus: quello che volevate sapere

Filippo Carli

Bill Gates: “Ecco le 10 innovazioni tecnologiche che cambieranno il mondo”

NozamaLab.com

Tesla Cybertruck: si pensa all’utilizzo per polizia, pompieri e 911

NozamaLab.com

Amazon vuole entrare nell’industria automobilistica

NozamaLab.com