Tecnologia

Amazon: a Torino lo sviluppo di Alexa

alexa torino

Amazon si affida a Torino per migliorare lo sviluppo di Alexa, l’intelligenza artificiale destinata a rivoluzionare le nostre vite. Il laboratorio di via Lugaro, aperto alla fine del 2017, sta ora cercando esperti di linguistica e informatica per migliorare ulteriormente il “machine learning”.


Alexa è ben più di un assistente vocale: è una vera e propria intelligenza artificiale capace di interagire con il prossimo, di intrattenere conversazioni e cogliere le sfumature. Non di meno è diventata il fulcro della moderna domotica: ormai tutti gli elettrodomestici possono essere programmati e controllati con una semplice chiacchierata con Alexa. Al momento è installata su una seri di oggetti in grado di ricevere comandi vocali per poi accendere luci, ventilatori, macchinette del caffè, lavatrici, forni e così via.


Il laboratorio Amazon in via Lugaro

Il colosso Amazon si è affidato a Torino per lo sviluppo dei Alexa. Janet Slifka, dirigente del team di sviluppo di Alexa che coordina il lavoro dagli USA, chiarisce i motivi:

torino è una fucina di talenti, ci sono il politecnico e l’università, ma c’è nche una base forte di conoscenze sul “mACHINE LEARNING”, NON COSì NOTO ALTROVE. noi cerchiamo ovviamente talenti, ma anche persone con set diversi di idee e di esperienze. E torino offre tutto questo.



Il colosso Amazon ora cerca, da affiancare ai 12 già attivi, altrettanti esperti: tecnici, linguisti, specialisti di dati. Tra gli obiettivi del centro vi sono infatti il miglioramento della comunicabilità dell’intelligenza artificiale e l’analisi dei diversi tipi di pronunce. Continua la dottoressa Slifka:

Ogni parola ha una serie di possibili pronunce, poi bisogna tener conto del fatto che ogni lingua costruisce le frasi attraverso strutture differenti. Per questo creiamo modelli a più “strati”, che tengono conto anche di modi di dire colloquiali, di abbreviazioni, di specificità regionali.



Amazon sembra dunque nutrire fiducia per il panorama tecnologico di Torino. Non sappiamo se il centro si occuperà solo di Alexa, ma siamo pronti a scommettere che i torinesi non ci deluderanno.

 

Loading...

articoli correlati

Smartphone pieghevole Samsung: prime immagini

Gabriele Muraro

WhatsApp vs Telegram: chi è il migliore? Ecco le differenze

Veronica Mandalà

Viber 10: nuova versione dell’app

Fabio Lo Verde

Google Maps predispone la navigazione in realtà aumentata

Veronica Mandalà

CES 2019: 44 Starup italiane saranno presenti all’evento. Ecco quali

Nozama Lab

Cos’è Triton: il malware che minaccia i sistemi di sicurezza

Veronica Mandalà

Leave a Comment