internet Lavoro

Come avviare un’impresa di successo: gli errori da non commettere

Come avviare un’impresa di successo

La crisi economica che si è fatta più forte negli ultimi due anni sta mettendo a serio repentaglio le sorti di moltissime imprese italiane, che ogni giorno combattono per ottenere fatturato e sostenere i costi che aumentano sempre di più.

Dobbiamo però considerare che anche prima di questo momento storico le imprese fallivano e mediamente allo stesso modo e nella fattispecie un gran numero non superava mai i 5 anni di vita dalla propria apertura.

Questo accade perché spesso e volentieri si apre un’azienda senza le giuste competenze in materia e nelle prossime righe di questo articolo abbiamo raccolto gli errori più comuni che vengono commessi e che segnano fin dal primo giorno la condanna al fallimento di un’attività.

La mancanza di un posizionamento sul mercato

Il primo errore che viene commesso con più frequenza è quello di aprire un’azienda per crearsi un posto di lavoro senza dover stare alle dipendenze di nessuno.

Molte persone lavorano per anni in un’azienda e poi decidono di avviare la propria attività come copia di quella dove hanno prestato servizio per diverso tempo. L’idea iniziale è quella di duplicare prodotti e servizi, avendone competenza, ma non ci si pone mai una domanda fondamentale: perché le persone dovranno acquistare da me piuttosto che dai miei concorrenti?

Se non ci si pone questa domanda significa non avere un posizionamento sul mercato e si inizierà così fin da subito ad avere il prezzo come unico fattore distintivo. L’abbassamento dei prezzi porta a generare utili troppo lentamente, o a non generarli affatto, mettendo così l’azienda in difficoltà.

Le idee innovative funzionano sempre?

Dall’altra parte troviamo imprenditori che hanno idee geniali per portare sul mercato prodotti o servizi che nessun altro ha venduto fino a quel momento.

Qui la domanda da porsi è diversa: esiste un’esigenza, desiderio o problema che sono in grado di risolvere con il mio prodotto o servizio?

Un’innovazione o un prodotto originale non è sempre detto che abbiano successo, specialmente quando le persone non lo ricercano.

Per questo motivo è necessario adottare procedure specifiche per l’apertura e a tal proposito ci sentiamo di suggerirvi di leggere questo articolo che spiega bene come lanciare un nuovo prodotto sul mercato.

La mancanza di previsione finanziaria

L’ultimo errore tra quelli più commessi dai neo imprenditori è quello relativo alla gestione dei fondi per l’apertura e della liquidità.

Normalmente si aprono aziende con pochi capitali, nella maggior parte dei casi imprese individuali o di persone, e non si tiene conto di quanto denaro si ha a disposizione per l’avviamento e l’implementazione di tutte le procedure che porteranno a generare gli utili.

Magari ci si concentra sulla sede, sui materiali e sulla produzione, dimenticandosi totalmente di prevedere un sistema di vendita e delle operazioni di marketing specifiche che possano aiutare a trovare clienti fin da subito che portino denaro in cassa.

Il denaro incassato deve passare attraverso una lente d’ingrandimento che si chiama controllo di gestione e permette di capire in tempo quando l’azienda potrà trovarsi in difficoltà, prendendo così di conseguenza le decisioni più opportune.

Infine concludiamo con la previsione del punto di pareggio, cioè il raggiungimento del break even point che equivale alla copertura di tutte le spese e al momento in cui si iniziano a generare realmente utili. Molte volte questo tipo di calcoli non vengono fatti e il denaro in cassa finisce prima del previsto, con il conseguente fallimento dell’impresa.


articoli correlati

FilmPerTutti nuovo indirizzo dicembre 2023. Qual è quello giusto? Info

NozamaLab.com

Offerte lavoro Mercedes: opportunità in tutta Italia

NozamaLab.com

La Spezia, le tante opportunità di lavoro tra industria navale, turismo e servizi alla persona

NozamaLab.com